PISTOIA
Martedì, 03 Luglio 2018 00:59

“Vi faremo saltare in aria”, minaccia a don Biancalani

Una delle immagini del falso profilo da cui è arrivata la minaccia a don Massimo Biancalani Una delle immagini del falso profilo da cui è arrivata la minaccia a don Massimo Biancalani

La frase inquietante in un post, in arrivo da un falso profilo Facebook

di Marzio Dolfi

PISTOIA - “Bene così abbiamo la data x farvi saltare in aria”. E' l'ultima minaccia arrivata con un post sul profilo di don Massimo Biancalani.

Torniamo a parlare di offese e minacce al parroco dei migranti: esattamente una settimana fa era arrivata nella sua cassetta delle lettere una cartolina postale inquietante.

Parlammo allora con don Biancalani, che ci descrisse il brutto clima di intolleranza sempre più feroce. “C'è troppo silenzio”, disse allora don Massimo, chiedendo alle istituzioni ed anche alla Chiesa, più coraggio. Il silenzio è rimasto. Anzi forse si è fatto più pesante.

E' in questo contesto che si inserisce quest'altro episodio, sicuramente ancora più inquietante e grave, come in una sorta di escalation nel territorio delle minacce. Sarebbe colpevole far finta di niente. Per questo, per quel che ci riguarda, lo segnaliamo. Non ci sembra un elemento da sottovalutare. Si parla di “farvi saltare in aria”. La minaccia diretta al parroco ed al suo impegno per l'ospitalità è di quelle che pesano.

Il “motivo” sta in un post che il parroco aveva inserito sul suo profilo (quello non bloccato da Facebook). “A fine luglio – scriveva don Biancalani - incontro a Vicofaro con la ONG catalana 'PROACTIVA OPEN ARMS'. Data da definire". Semplicemente l'annuncio di un incontro sul un tema che è tutto all'interno del suo territorio. A tambur battente ecco la replica: “Bene così abbiamo la data x farvi saltare in aria”.

Parole come pietre. In testa al messaggio anche il nome dell'autore: Lorenz Takarai. Sicuramente un profilo fasullo, punteggiato di foto inquietanti, bugie. E dal vuoto.

Del resto Facebook, fra i tanti elementi positivi, ha questa falla: permette di nascondersi dietro maschere e da lì distribuire, impunemente, offese e minacce. Ma fino a quale limite? Questa è una delle occasioni in cui il limite è certo andato molto oltre.

Il parroco di Vicofaro ha affidato la sua reazione a un solo commento: “minacce 4.0”. Per lui hanno parlato a decine manifestandogli solidarietà e sostegno. E chiedendogli di fare denuncia.

Ma in questa vicenda – ci pare - c'è qualcosa che dovrebbe andare oltre la denuncia. Qualcuno dovrebbe vedere anche senza bisogno di fogli di carta bollata. E provvedere. O dobbiamo accettare che si possano fare minacce di “far saltare in aria” , considerandole allo stesso livello di una barzelletta?!

Questa volta non è in ballo solo la scelta di un prete scomodo, che può essere anche discussa e contrastata. E' in ballo qualcosa di più: una minaccia molto pesante, inquietante, oscura. E forse è arrivato il momento, almeno su questo, di lasciare da parte le polemiche ed esprimere una esplicita solidarietà a don Massimo. Un nuovo silenzio sarebbe pesantissimo.

1 commento

  • Link al commento Rosanna Moroni Lunedì, 16 Luglio 2018 18:45 inviato da Rosanna Moroni

    Dopo tre messaggi "dispersi" mi limito a esprimere la mia convinta SOLIDARIETÀ a Don Biancalani e il mio vivo apprezzamento per la coerenza e il coraggio con cui testimonia ogni giorno il messaggio evangelico. Rosanna Moroni, già assessore del Comune di Pistoia nei due mandati del Sindaco Renzo Berti e precedentemente deputata nella XII e XIII Legislatura e componente della I Commissione Affari Costituzionali della Presidenza del Consiglio e degli Interni.

    Rapporto

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Pubblicita

Festa PD Santomato