PISTOIA
Venerdì, 01 Giugno 2018 15:42

Si chiude il seminario del Centro Studi Confindustria

Andrea Montanino, direttore Centro Studi Confindustria Andrea Montanino, direttore Centro Studi Confindustria

L'obiettivo: costruire una community sui temi dello sviluppo

PISTOIA – Si è concluso il secondo seminario residenziale del Centro Studi Confindustria.

Era stato Giulio Grossi, presidente di Confindustria Toscana Nord – che aggrega le imprese di Lucca Pistoia e Prato –, aprendo a Pistoia l’assemblea dei soci, a annunciare il seminario residenziale del Centro Studi di Confindustria. Incontro che si sarebbe aperto nello stesso pomeriggio per proseguire fino al giorno successivo.

“L'obiettivo di questo workshop – ha detto Grossi - è quello, ambizioso, di costruire gradualmente una community sui temi dello sviluppo e della trasformazione dei sistemi manifatturieri."

Salutando gli intervenuti al seminario, lo stesso ha poi sottolineato come il ruolo di rappresentanza che Confindustria svolge si fondi su robuste e rigorose basi di analisi economica, a sua volta arricchita dal dialogo costante con l'eccellenza della ricerca in materia.

Dopo il successo della prima edizione, si è dunque colta di nuovo l’occasione per misurare lo sviluppo e la trasformazione della manifattura globale e per promuovere un dibattito collettivo fra economisti di sistema, accademici, mondo del credito.

In questo senso, fondamentale è stata la partecipazione attiva di Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia del Gruppo Intesa Sanpaolo, che ha sostenuto l’iniziativa. “La nostra attività è quotidianamente improntata sull’essere efficaci nel far germogliare iniziative imprenditoriali – spiega Umberto Alunni, direttore generale di CR Pistoia e Lucchesia. - Occasioni come questa ci consentono di condividere idee ed esperienze, rafforzando la convinzione che la collaborazione tra banche e imprese sia uno stimolo reciproco, fattivo ed efficace nel breve e lungo periodo”.

I temi affrontati sono decisamente complessi e destinati a una platea di addetti ai lavori; lo scopo rimane quello della circolazione delle idee e delle conoscenze, e di favorire l’acquisizione di una visione il più possibile uniforme nei partecipanti alla due giorni di dibattito. Andrea Montanino, direttore del Centro Studi Confindustria, nell’aprire i lavori ha sottolineato come “la questione industriale sia oggi al centro delle strategie dei grandi attori mondiali, Stati Uniti e Cina. Essere capaci di capire le trasformazioni industriali può permettere a un grande paese manifatturiero come l’Italia di rimanere competitivo e come Centro Studi Confindustria vogliamo dare il nostro contributo di idee e proposte”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Pubblicita