PISTOIA
Venerdì, 01 Giugno 2018 12:00

Partono i licenziamenti al semiconvitto delle Crocifissine

nella foto l'entrata del convitto nella foto l'entrata del convitto foto Reportpistoia

Ancora nulla di fatto, la denuncia e la preoccupazione della Cgil

PISTOIA - Ai lavoratori che operano nel semiconvitto delle Crocifissine sono arrivate ieri le lettere di licenziamento da parte della Cooperativa che gestisce per conto dell'Amministrazione comunale il servizio.

"Un duro e nuovo colpo all'occupazione sul nostro territorio. E' con profonda preoccupazione che ci chiediamo in che modo il servizio delle Crocifissine possa riprendere all'avvio del prossimo anno scolastico" - dichiara la Funzione Pubblica della CGIL di Pistoia. I diversi incontri di confronto con l'amministrazione comunale sulle prospettive del semiconvitto che ci sono stati negli ultimi mesi ad oggi non hanno prodotto alcun risultato concreto.

"L'unica certezza che abbiamo oggi è che alla fine del mese scade la convenzione con il Consorzio attualmente affidatario e che ai lavoratori sono stati comunicati i preavvisi di licenziamento", denuncia Sara Simboli, della segreteria della Funzione Pubblica della Cgil pistoiese. Che aggiunge: "lo storico servizio di semiconvitto è garantito dall'amministrazione comunale da oltre trent'anni, e svolge attività di doposcuola e mensa agli studenti frequentanti, offrendo un servizio educativo di qualità e una risposta alle esigenze di molte famiglie pistoiesi. Oltre a ciò, il centro offre attività di socializzazione e di sostegno socio educativo con un'attenzione particolare alle fasce di fragilità a cui in parte i servizi sono rivolti".

Attualmente il centro accoglie 74 studenti delle scuole primarie e secondarie, ed impiega 15 lavoratori, molti dei quali in servizio da oltre dieci anni.

"A fronte delle dichiarazioni rilasciate a mezzo stampa nel febbraio scorso dall'amministrazione comunale – prosegue Simboli - circa la volontà di chiudere, da luglio, le Crocifissine, abbiamo avviato un percorso di confronto, che ci ha inizialmente rassicurati; in effetti sembrava che il Comune avesse aperto un dialogo propositivo con l'attuale Consorzio gestore in appalto del servizio, per individuare una soluzione. Ma ad oggi, nessuna delle proposte ipotizzate ha portato ad una reale prospettiva di continuità: quello che è certo, e che è stato ribadito in un incontro odierno con l'amministrazione, è che il Comune ha previsto in bilancio un taglio consistente delle risorse da destinare alle Crocifissine, che a fine mese scade il contratto con l'attuale gestore, che non vi sono volontà di possibili proroghe, così come dichiarato dall'amministrazione fin da subito, e che per i lavoratori non vi sono al momento prospettive di ricollocazione".

"La nostra città non può permettersi di rinunciare ad un servizio storico rivolto ai giovani e alle famiglie come quello delle Crocifissine – prosegue Sara Simboli - e pertanto chiediamo che venga garantita la continuità dello stesso. Questa mattina sono state prospettate da parte dell'amministrazione alcune ipotesi che verranno verificate e ci verranno comunicate in un nuovo tavolo già fissato".

Una brutta storia insomma, che si inserisce in un panorama scolastico terremotato e con molti punti caldi. "Stante gli evidenti vincoli temporali – conclude l'esponente della Cgil - chiediamo che, responsabilmente, i tempi per la risoluzione della vicenda siano celeri, nel rispetto dei lavoratori e dei cittadini che usufruiscono del servizio".

qui vanno inseriti i moduli banner

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.