PISTOIA
Mercoledì, 16 Maggio 2018 14:24

Turismo, Pistoia e montagna: +9%

nella foto alcuni turisti in piazza del Duomo nella foto alcuni turisti in piazza del Duomo foto Carlo Quartieri

Crescita superiore alla media regionale

PISTOIA - Turismo in Toscana, arrivano i dati del 2017. Crescita superiore alla media regionale, dopo anni di regressi, in provincia di Pistoia (+4,1%) trainata dalla città di Pistoia e dalla montagna (+9.1%).

Analogo trend anche per la provincia di Massa Carrara (+6,7%), mentre quella di Grosseto mantiene i valori del 2007 (+0.9% le presenze). Calo invece per Pisa (-0,7%) e Lucca (-3,7%) dopo un ottimo 2016 (+7.7%).Crescita infine anche per Prato con un buon +3,4%.

Firenze e territorio circostante si impongono come il territorio di maggior attrattiva turistica: nel 2017 +5,7% di presenze. Ottime anche le performance delle province di Siena (+5.8%), Arezzo (+6,7%) e Livorno,(+6,1%). Sono questi alcuni dei numeri principali sull'andamento del turismo toscano presentati, curati da Irpet e dalla società SL&A turismo e territorio.

Sfiorate le 100 milioni di presenze turistiche in Toscana nel 2017: gli arrivi in strutture ufficiali aumentano del 6,2% e le presenze del 3,8% rispetto al 2016, crescita quasi equamente determinata dalla componente straniera (+4% le presenze, + 6.2% gli arrivi) e da quella italiana (+3.6% le presenze, + 6.3% gli arrivi).  Il 2017 ha registrato un nuovo record assoluto di presenze: 46,3 milioni in strutture ufficiali, a cui aggiungerne circa 48 stimate da Irpet in alloggi non ufficiali trainate dal vero e proprio boom di presenze in case e appartamenti di privati prenotabili on line, e ulteriori 3,9 milioni in strutture ricettive inadempienti l'obbligo di comunicazione delle presenze. 

Nel triennio 2015-2017 i settori caratteristici del turismo hanno creato in Toscana circa 15 mila posizioni lavorative in più con contratti standard di lavoro e oltre 23 mila dal 2009. Nel periodo 2009-2017 il saldo tra le entrate valutarie dal turismo internazionale, al netto delle spese dei turisti toscani all'estero, passa da 2 a 3 miliardi di euro. Nell'ultimo biennio aumenta del 9%.  Il turismo si conferma dunque un importante attrattore di risorse per l'economia regionale ed un ammortizzatore della crisi occupazionale.

Per quanto riguarda la crescita delle presenze attribuibile agli stranieri, tre i fattori da evidenziare: il dinamismo dei paesi extraeuropei, la frenata delle presenze dai mercati maturi dell'Europa occidentale e la crescita delle presenze dagli Stati Uniti. 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Pubblicita

Festa PD Santomato