PISTOIA
Venerdì, 12 Gennaio 2018 13:34

Pistoia, l’appello dell’Avis per contrastare l’emergenza sangue

di Tommaso Brunetti

PISTOIA - Come spesso accade nei primi giorni dell’anno, a causa dei picchi influenzali che si riscontrano ad inizio gennaio, si sta assistendo ad un brusco calo delle donazioni di sangue.

Stando alle stime del Centro Regionale Sangue Toscana aggiornate all’11 gennaio, è possibile parlare di una vera e propria emergenza sangue per quello che riguarda i gruppi A e 0. Per tale motivo, è arrivato l’appello del presidente di Avis Pistoia Igli Zannerini. “Non siamo soliti rivolgerci agli organi di stampa – ha dichiarato – se non in situazione di reale emergenza. Purtroppo la terribile influenza che sta colpendo decine di cittadini è riuscita a mettere in difficoltà anche una realtà come la nostra, che pur presenta un buon numero di donatori abituali. Invito per tale motivo i donatori dei gruppi A e 0 a rivolgersi al numero 0573/23765 per prenotare quanto prima la donazione. Ricordo che la stessa può essere effettuata tutte le mattine dalle ore 7.30 alle 12.30 e l’ultimo venerdì del mese l’orario è prolungato fino alle 16.30”.

Andando oltre la fase critica delle donazioni, che come di consueto può essere riscontrata nei primi giorni dell’anno e nel periodo estivo, i numeri evidenziano un segno positivo per quello che riguarda l’Avis Comunale di Pistoia. Nel 2017, infatti, è stato riscontrato un incremento del 5,6%, dato che ha permesso di raggiungere il record di unità raccolte: 4581. Altro incremento da sottolineare, è quello dei nuovi donatori, 436 pistoiesi hanno donato sangue per la prima volta nel corso del 2017.

Numeri possibile da raggiungere soltanto grazie al grande lavoro che i volontari Avis svolgono quotidianamente sul territorio, come sottolineato dal vice presidente dell’associazione Emanuele Gelli. “La nostra squadra – ha precisato – è composta da una cinquantina di persone che giorno per giorno sottraggono tempo alle loro occupazioni per cercare di perorare la causa delle donazioni di sangue e di fidelizzare un numero sempre maggiore di donazioni. Ricordo che a poter donare sono tutte le persone che godono di buona salute e che non hanno superato i 65 anni. Il nostro obiettivo, perseguito grazie alle nostre numerose iniziative, è quello di avvicinare soprattutto i giovani alla nostra associazione, in modo da poter raggiungere un numero di donatori abituali sufficiente per poter fronteggiare emergenze come quella in corso”.

L’Italia, lo ricordiamo, è uno dei soli 59 paesi al mondo in cui una donazione di sangue risulta essere effettuata in maniera totalmente gratuita, ed è grazie al lavoro di associazioni come l’Avis e dei suoi volontari che questi risultati possono essere perseguiti.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Pubblicita

Voglia di Vivere 06 PISTOIA