Contenuto Principale
Notice
  • There is no category chosen or category doesn't contain any items

Comune di Pistoia, prosegue la mobilitazione sulla contrattazione decentrata

PISTOIA - Nei giorni scorsi le organizzazioni sindacali FP Cgil, Cisl FP, Uil FPL, Diccap e la RSU hanno sottoscritto con la delegazione dell'Amministrazione comunale, l’ipotesi di accordo relativa al contratto decentrato 2016.

“Il ritardo di 10 mesi rispetto alla naturale scadenza – spiegano i sindacati in una nota - è dipeso dalle continue resistenze da parte dell’Amministrazione comunale rispetto alle richieste sindacali: maggiore equità nella distribuzione delle risorse e valorizzazione del lavoro e delle professionalità acquisite”.

C'è anche stato un lungo percorso di mobilitazione e di iniziative (assemblee in piazza, volantinaggi al mercato, scioperi), che fino ad oggi non ha condotto ad un risultato apprezzabile. La firma del contratto 2016, deliberata dall’assemblea del 20 ottobre, è servita soltanto per consentire ai dipendenti comunali di riscuotere, nel giro di un paio di mesi, la produttività relativa al 2016.

“Purtroppo, anche con la nuova Amministrazione comunale – proseguono i sindacati - , nonostante le pubbliche dichiarazioni sulla disponibilità al dialogo e sull’importanza di valorizzare le professionalità all’interno dell’ente, non riusciamo a trovare un accordo sui due punti critici: l’incremento delle risorse per la produttività mediante una riduzione del fondo per le posizioni organizzative e la possibilità di effettuare le progressioni orizzontali. Come abbiamo già spiegato in più occasioni, non chiediamo un incremento delle risorse complessive, che la legislazione attuale non consente, ma una diversa distribuzione di quelle che ci sono, concedendo qualcosa in più nei confronti dei 730 dipendenti che non hanno la posizione organizzativa, ma quotidianamente contribuiscono con il proprio lavoro al funzionamento del Comune al pari degli altri 20 con la posizione, che è giusto retribuire in modo adeguato alla maggiore responsabilità ed al maggior impegno che devono garantire, anche in termini di ore lavorate. Alle nostre richieste, da questa come dalla precedente Amministrazione, ci viene risposto che la delegazione trattante di parte pubblica (composta da alcuni dei vertici amministrativi dell’ente), oppone dei dubbi di legittimità. A questo noi rispondiamo che non è con lo scaricabarile che vengono affrontati e risolti i problemi sindacali: se esiste una reale volontà di trovare un accordo, allora non ci sono problemi di legittimità dato che la quantificazione del fondo per finanziare le Posizioni Organizzative è, per legge, materia di contrattazione.

E’, quindi, soltanto una questione di volontà, e non bisogna nascondersi dietro paraventi di comodo. Continueremo pertanto con le iniziative di mobilitazione, pur sapendo che causeranno disagi alla cittadinanza e malumori tra le lavoratrici ed i lavoratori: a nessuno fa piacere la protesta, è più semplice e redditizio sedersi ad un tavolo e trattare. Noi siamo pronti, da oltre due anni. Nell’attesa che la nostra controparte si decida, ci faremo sentire”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ricerca / Colonna destra

Cerca nel sito

Agenda Pistoia

La Libreria del Globo festeggia tre anni: apericena e spettacolo

PISTOIA – Venerdì 24 novembre la Libreria del Globo in via Buozzi compie tre anni. E per…

Truffe agli anziani, un incontro dello Spi-Cgil

PISTOIA - Ultima iniziativa contro le truffe agli anziani (e non solo) organizzata dal…

Festa a Villa di Baggio in onore di un paesano esemplare, Giovanni Lombardi

VILLA DI BAGGIO - Venerdì scorso alle ore 18 al Circolo A.C.L.I. “Associazione…

Reportpistoia su Facebook