Contenuto Principale

Ecco il nuovo ecografo 4D per ginecologia e ostetricia del San Jacopo

La presentazione del nuovo strumento ecografico La presentazione del nuovo strumento ecografico

di Francesca Caponetto

PISTOIA - Arriva sotto le feste di Natale, come un regalo alle donne, la nuova apparecchiatura ecografa 4D in dotazione all’ospedale San Jacopo di Pistoia, che migliorerà la qualità degli esami ecografici nell’area ginecologico ostetrico. 

Donato all’azienda ospedaliera dalla Fondazione Cassa di risparmio di Pistoia e Pescia con un costo complessivo di più di 96 mila euro, il nuovo apparecchio sarà in grado di migliorare la diagnostica di patologie ostetriche neonatali e ginecologiche, evitando così in molti casi interventi chirurgici invasivi.

In particolare, il Voluson E8 potrà mettere in luce, in ambito ginecologico, eventuali malformazioni uterine oppure la presenza di endometriosi, malattia a causa della quale il tessuto che di solito si trova all’interno dell’utero (endometrio) cresce all’esterno di esso, coinvolgendo ovaie, intestino o tessuto che riveste il bacino.

In campo ostetrico, invece la tecnologia della nuova macchina ecografa, capace di mostrare immagini tri e tetra dimensionali, saprà dare maggiori dettagli riguardo lo stato di salute del neonato e la presenza di eventuali malformazioni.

Inoltre, sarà un importante alleato anche nella scoperta di patologie oncologiche, come tumore della cervice, dell’utero o delle ovaie.

“Richiedere uno strumento di questo livello non è un vezzo - ha precisato il professor Pasquale Florio, primario di ostetricia e ginecologia del presidio ospedaliero San Jacopo di Pistoia - ma permette di eseguire realmente ecografie di alto livello. Permette di vedere precisamente particolari che rivelano patologie. In un ospedale come il San Jacopo, che può vantare un reparto interamente dedicato alle gravidanze a rischio, questo è un valore aggiunto.
Inoltre – aggiunge il professor Florio - il macchinario è il giusto strumento all’avanguardia per un’equipe di esperti. Ricordiamoci, infatti, che un ecografo, anche se di ultima generazione, fa la differenza se usato la mani competenti e da professionisti aggiornati. A Pistoia, nella fattispecie, abbiamo un gruppo multidisciplinare che funziona molto bene e che unisce figure come il ginecologo, il chirurgo generale, l’anestesista, il gastroenterologo, l’urologo che, grazie a questo strumento riescono a lavorare al meglio tutti assieme, concertando le proprie competenze”.

Ed è proprio questo che fa la differenza: lavorare all’unisono per un unico obiettivo, con l’ausilio di una strumentazione che restituisce immagini il più possibile vicine alla realtà e restituisce la possibilità di riprendere con un unico gesto tutte le caratteristiche di un’immagine e poi, a esame fermo, scomporre i fotogrammi e analizzare con calma i vari aspetti della patologia.

“Dal 2008 ad oggi la Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia ha acquistato strumenti per un valore di un milione e mezzo di euro, poi donati all’azienda sanitaria - spiega Luca Iozzelli,  presidente della Fondazione Caript - e fa piacere che in questo caso si tratti di un ecografo che permetterà alle future mamme di monitorare al meglio la loro salute e quella dei propri figli”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ricerca / Colonna destra

Cerca nel sito

Agenda Pistoia

Circolo Breda, si conclude la rassegna dedicata a Ermanno Olmi

PISTOIA - Dopo “La Circostanza” (1974) e “L’Albero degli Zoccoli” (1978), si conclude…

"La primavera del libro francese a Pistoia", un convegno alla Forteguerriana

PISTOIA - Mercoledì 22 marzo a partire dalle 15 la biblioteca Forteguerriana ospita in…

Modifiche al traffico sulla tangenziale

PISTOIA - Mercoledì 22 marzo dalle 15 alle 16.30, la tangenziale sud-ovest - dall'uscita…

Incontro con l'autore, lunedì Vanni Santoni a Les Bouquinistes

PISTOIA - Lunedì 20 marzo alle 21 presso la libreria indipendente Les Bouquinistes, in…

Congresso Pd: si presenta il comitato per Orlando

PISTOIA – Dopo una prima fase organizzativa, che ha portato il Comitato Pistoia per…

Reportpistoia su Facebook