PIANA

Venerdì, 22 Marzo 2019 10:17

Dalla Regione oltre 100mila euro per lo stadio Bellucci

Per Monsummano un finanziamento di 95mila euro

AGLIANA - Con decreto di pochi giorni fa la Regione ha infatti messo nero su bianco la lista dei progetti ammessi a contributi per finanziare progetti relativi all’impiantistica sportiva sull’intera Toscana.

Di 27 comuni richiedenti, due sono appunto della provincia di Pistoia, i cui contributi richiesti sono stati accettati totalmente.

Il contributo concesso al Comune di Agliana è di 110mila euro, pari a quello richiesto (220mila euro è l’importo complessivo del progetto), per lavori di riqualificazione dell’impianto idrico e dell’impianto di irrigazione dello stadio Bellucci, oltre alla messa in sicurezza di tre tribune prefabbricate.

A Monsummano il contributo di 95mila euro, anche questo identico a quello richiesto (l’importo complessivo del progetto è di 190mila euro), servirà per il nuovo impianto di illuminazione (torri faro) dello stadio comunale Strulli.

“Dopo i contributi regionali ai Comuni di Pescia, Montecatini, San Marcello Piteglio, Marliana, Cutigliano, Montecatini e Massa a Cozzile e alla Provincia di Pistoia negli anni scorsi - evidenzia il consigliere regionale Pd Marco Niccolai - con il cofinanziamento degli interventi a Monsummano e Agliana in questo anno si dimostra ancora una volta l’attenzione e l’impegno delle amministrazioni locali nell'investire sulla riqualificazione degli impianti sportivi, luoghi di aggregazione sociale importante per le nostre comunità: bisogni ed esigenze che la Regione Toscana supporta concretamente investendo risorse proprie per sostenere gli investimenti dei Comuni. Fare squadra con i Comuni su questi temi significa sostenere investimenti molto importanti ma soprattutto spazi di socialità e aggregazione, che grazie allo sport si può creare in ogni età della vita. Continueremo su questa strada anche nei prossimi anni”. 

Sono stati individuati criteri di premialità che attribuiscono all’intervento proposto carattere di priorità, come messa a norma,abbattimento di costi di esercizio degli impianti attraverso il miglioramento dell’efficienza energetica, la “pronta cantierabilità” dell’intervento, tanto per fare qualche esempio.

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.