PIANA

Sabato, 04 Agosto 2018 14:31

Discarica del Cassero, è ancora tempo di polemiche

Dura nota del Pd di Serravalle contro l'assessore Gorbi

SERRAVALLE – La discarica del Cassero è stata uno degli argomenti “caldi” sui quali si è giocata l'ultima campagna elettorale a Serravalle. La nuova maggioranza aveva promesso che non l'avrebbe più fatta riaprire. “Ci incateneremo ai cancelli” - aveva promesso il sindaco Piero Lunardi. Nessuno si è incatenato da nessuna parte e la discarica è tornata in funzione.

Ora il pallino della polemica è finito nelle mani della attuale minoranza, che accusa l'assessore all'ambiente Federico Gorbi “di fare disinformazione” e “di cercare di speculare”. Si sono rovesciati insomma i ruoli, come in una sorta di contrappasso legato alla condanna di dover comunque convivere con la discarica.

“Nei prossimi 4 mesi - scrive Leardo Corsini segretario del Pd di Serravalle - verranno smaltite, in 4 discariche tra cui il Cassero , 7200 tonnellate di fanghi prodotti da impianti di depurazione di scarichi civili toscani. La Regione ha prescritto che sia tutto trattato, inertizzato e reso inodore dalla calce. Si tratta di rifiuti compatibili, a norma di legge, con la tipologia di Discarica del Cassero. Finora, questi fanghi venivano utilizzati in agricoltura in Lombardia. Da noi tale pratica è stata sospesa circa 2 anni fa a causa di un'indagine e siamo in attesa di un nuovo decreto ministeriale che uscirà nelle prossime settimane e renderà possibile riprendere lo spandimento”.

Gorbi in un  post aveva parlato di "odioso atto di imperio, totalmente privo di riguardo verso l'amministrazione". E aveva aggiunto: "si tratta di sopportare rifiuti che emaneranno odori terribili proprio nel periodo estivo e autunnale. Quando sentirete puzzo ricordatevi il nome di Enrico Rossi (e dell’assessore all’ambiente Federica Fratoni)!!"

E su questo porta il suo attacco il Pd, che parla di questi “fatti sui quali fa disinformazione e cerca di speculare l’assessore all’ambiente di Serravalle Federico Gorbi, un politico di lungo corso che alle ultime elezioni regionali, con popolari e riformisti, ha sostenuto la candidatura del 'comunista' Enrico Rossi a presidente della Regione condividendone il programma in cui non era detto di chiudere la discarica del Cassero”.

“Lo stesso Gorbi – aggiunge Corsini - che alle ultime elezioni comunali, al fianco di esponenti di Fratelli d’Italia, ha chiesto voti promettendo l’immediata chiusura della Discarica, salvo poi auspicarne la chiusura al suo esaurimento”. Il PD di Serravalle promette di stare “alle cose concrete e fattibili: vigilerà affinché i fanghi vengano inertizzati e resi inodore e solleciterà i propri rappresentanti in Regione, affinché sia rapidamente trovata una alternativa al Cassero: Serravalle ha già dato e noi non accetteremo ulteriori ampliamenti della discarica che dovrà chiudere al suo esaurimento”.

L'ultima stoccata nella nota del Pd è diretta ancora all’assessore Gorbi: e riguarda “il ritardo da lui accumulato, provvedendo alla rapida istituzione della Commissione speciale di controllo della discarica decisa mesi fa con voto unanime del Consiglio Comunale”.

Sulla sua pagine Facebook anche l'assessore regionale all'ambiente Federica Fratoni ha parole durissime contro il vicesindaco Gorbi. 

"Caro Federico Gorbi Vicesindaco di Serravalle Pistoiese, prima di scrivere - scrive l'assessore Fratoni -  dovresti informarti di pochi basilari elementi che ti consentirebbero di evitare brutte figure. Prima di tutto oggi pomeriggio ho cercato di contattare il sindaco, purtroppo senza riuscire a parlarci per problemi di connessione. In seconda battuta ti informo che la discarica è autorizzata a ricevere quel codice di rifiuto, opportunamente trattato (a calce) per essere stabilizzato e reso inodore. Quindi tutto rientra nella ordinaria amministrazione di un sito per il quale ho avuto modo in un consiglio comunale aperto, da te voluto, di chiarire tutti gli aspetti autorizzativi e di operatività. Se vuoi continua pure con la demagogia fine a se stessa. Io invece sto dalla parte della verità e della trasparenza nei confronti dei cittadini. Sei tu che avevi promesso la chiusura della diacarica...

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.