PIANA
Giovedì, 01 Febbraio 2018 16:23

Serravalle, Fratelli d’Italia: "Solidarietà alle maestre colpite dalla sentenza"

SERRAVALLE - Fratelli d’Italia di Serravalle Pistoiese esprime la propria solidarietà e il proprio sostegno nei confronti dei maestri di scuola materna e primaria del territorio provinciale.

"Per effetto della recente sentenza del Consiglio di Stato, sono stati estromessi dalle graduatorie ad esaurimento oppure rischiano di dover lasciare il ruolo faticosamente conquistato dopo il superamento dell’anno di prova e del relativo esame, poiché non viene più riconosciuto il valore abilitante del diploma magistrale in loro possesso. Si tratta in tutto di circa 320 persone. A livello nazionale si calcola che gli esclusi dalle GaE siano circa 60 mila e 6 mila gli immessi in ruolo che potrebbero essere licenziati. La sentenza appare ancora più assurda se si pensa che proprio grazie ad altri  pronunciamenti dei Tar e dello stesso Consiglio di Stato molti di quei docenti avevano avuto in passato l’accesso nelle GaE. Lo Stato invece di riconoscere a questi insegnanti  il merito di aver permesso al sistema scolastico di funzionare li condanna adesso al precariato a vita, disconoscendo i loro diritti di lavoratori" si legge nella nota.

"Allo stesso tempo il partito denuncia l’indifferenza al problema dei governi che si sono succeduti in questi anni e il totale fallimento della cosiddetta Buona Scuola di Renzi, che avrebbe dovuto stabilizzare i precari mentre li ha moltiplicati. Non crediamo quindi all’ipocrisia di quei politici  che adesso si stracciano le vesti gridando allo scandalo quando sono proprio loro i primi ad aver appoggiato i governi che hanno causato questo disastro. Auspichiamo quindi un pronto intervento delle istituzioni competenti al fine di giungere presto ad una risoluzione dell’annosa questione tesa a tutelare il più possibile le figure professionali coinvolte nella vicenda scongiurando la perdita del posto di lavoro" conclude Fratelli d’Italia di Serravalle Pistoiese.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Pubblicita