PIANA
Giovedì, 04 Gennaio 2018 17:21

Quarrata, Legambiente: troppi fuochi sotto il livello "proibito"

QUARRATA – Una ordinanza poco rispettata quella degli abbruciamenti che non si dovrebbero fare al di sotto del 200 metri di altitudine.

Almeno a quanto ci fanno vedere le foto scattate stamani da Daniele Manetti di Legambiente. Le foto sono scattate dall'alto in via Burianese e si vedono inequivocabilmente diversi focolai all’aperto nella parte bassa verso Quarrata. “E l’aria – commenta Manetti - è nebbiosa e piena di fumo”.

Se è scaduta l' ordinanza che prevedeva il divieto di utilizzo di camini a legna e stufe tradizionali, resta ancora in piedi il divieto di accendere  fuochi all’aperto fino al 31/03/2018 a quota inferiore a 200 metri s.l.m.

“Legambiente Quarrata fa presente la criticità per l’aria inquinata da polveri fini nei giorni passati e farà prossimamente un documento corredato di analisi eseguite da analizzatori sperimentali CNR, per cercare di fare il punto dell’aria nella piana di Quarrata relativo alle concentrazioni di polveri fini PM 2.5, per cercare di capire quali sono le cause degli sforamenti”.

“Legambiente Quarrata - dice il Presidente dell'associazione ambientalista - non denuncia solamente, ma in clima di collaborazione e partecipazione, cerca di trovare soluzioni per i bruciamenti dovuti alle potature e proporrà soluzioni tecniche, che non prevedono di bruciare gli arbusti, per discuterne poi con l’amministrazione comunale e gli agricoltori”.

Ma intanto, per tutelare la qualità dell'aria che respiriamo, si dovrebbe rispettare la legge.  

qui vanno inseriti i moduli banner

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Elena Fenzi 9 PIANA