Contenuto Principale

Si riaprono domani i plichi dei seggi di Serravalle, comincia il riesame delle schede

Il palazzo comunale di Serravalle Il palazzo comunale di Serravalle

SERRAVALLE – Domani è il giorno della “verificazione”. In Prefettura si riapriranno i plichi di alcuni seggi elettorali per andare alla ricerca delle schede di cui il Tar ha ordinato il ricontrollo.

La Commissione che ha indicato il Prefetto è quella che dovrà dire l'ultima parola in questa sorta di spoglio senza fine. Una vicenda singolare che è al centro di attese, ovviamente, contrapposte.

La maggioranza di Piero Lunardi si aspetta la riconferma del risultato. L'opposizione di Patrizio Mungai pensa invece al ribaltamento e alla riconsegna del comune al Centro Sinistra. In ballo come si ricorderà ci sono solo 5 voti di differenza fra i due schieramenti. E 14 sono le schede che saranno “verificate”.

Tutto è partito con un ricorso di “Centrosinistra per Serrravalle” (che ha messo a verbale 10 schede “dubbie”, chiedendo al Tar il loro riesame). A questo è seguito a ruota un controricorso della lista di Piero Lunardi (che a sua volta ha trovato 4 schede “sospette”, considerandole da rivedere).

Relitti di spogli elettorali insomma. La commissione dovrà ora rimettere il naso nei verbali delle Sezioni 3 (Ponte di Serravalle, 4 (Castellina), 5 (Casalguidi), 7,8 e 9 (Cantagrillo). Rimarranno chiusi solo verbali e pacchi di schede della sezione 1 (Serravalle Paese), 2 (Masotti) e 6 (Casalguidi), dove i ricorsi non hanno indicato nessuna scheda contestata.

In Prefettura si comincia domani mattina, a partire dalle 9, e non si sa quando il lavoro certosino di questo “seggio speciale” dovrà andare avanti. Si sa solo che il Tar è convocato per il 24 gennaio, quando questa storia sarà “ufficialmente” finita con la sentenza definitiva: che dirà chi ha diritto di governare il comune di Serravalle.  

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna