Contenuto Principale

Per la pioggia il Parroco non fa la Messa al cimitero. E scoppia la polemica

Il cimitero di Casalguidi Il cimitero di Casalguidi

CASALGUIDI – Per la pioggia il parroco annulla la Messa e la benedizione al cimitero di Casalguidi. E scoppia la polemica, che rimbalza con toni accesi e con diti puntati sulla pagina “locale” di Facebook.

“Sei di Casalguidi se...” infatti si riempie di un singolare dibattito-confronto-scontro sulla scelta del nuovo Parroco. In molti sono rimasti sorpresi, perché non è stata rispettata una tradizione consolidata: quella dell'omaggio ai defunti.

Don Alessio Tavanti ha scelto di sospendere la tradizione, a causa dell'allarme meteo. E si è scatenata la ribellione di alcuni “fedeli”, e anche di chi si aspettava il rito religioso pur non essendo un cattolico praticante.

Don Alessio è intervenuto nel dibattiito, dai toni anche forti, che si è messo in moto: “Scusate – ha detto il parrtoco - prima di decidere ne ho parlato con i collaboratori. Se qualcuno era in chiesa ho detto che rimandiamo non che non si fara. Questo per chiarezza. Io sono il primo che tengo a questa celebrazione”.

Ma la giustificazione non è stata troppo convincente: le reazioni sono continuate. L'allerta meteo non è sembrata insomma una motivazione convincente. Anche perché negli anni questo rito si è incontrato spesso con il brutto tempo. “Finiremo a fare questa celebrazione comodamente seduti a casa” - commenta polemicamente Giovanni. “Mi ricordo che al cimitero c'è sempre stata pioggia, vento o neve la domenica della benedizione” - rincara la dose Carla.

I comennti di sontano a decine. E il dibattito si fa stringente: Vittoria invita a “portare rispetto ad un sacerdote se invece di andare in Chiesa una volta l'anno ci andaste più spesso avresti saputo per tempo questa cosa”. E taglia corto: “don Alessio è libero di scegliere come svolgere le funzioni e a chi non piace è libero di andare in un'altra parrocchia”.

Denise invita a “non stravolgere le tradizioni”; così come Fabio che le ritiene “una cosa findamentale dei paesi” e si domanda se la benedizione delle case “sarà fatta solo se c'è il sole”?

Sulla vicenda si intrecciano toni ironici con convinzioni ed esasperazioni. E si formano quasi due schieramenti: e lo scambio di post pare diventare una sorta di “giudizio” sulla figura del parroco.

“Polemica assurda, inutile e contraria allo spirito cristiano – la definisce Elena Bardelli, casalina e neo consigliera comunale di An-FdI a Pistoia - Sono proprio curiosa di vedere quanto va avanti. Tutti buoni a criticare e a fare i maestri, anche gente che non ha mai messo piede in chiesa o quasi; e nessuno disposto ad ascoltare le ragioni del parroco”.

Toni accesi insomma. In una vicenda sicuramente singolare. Che avrebbe bisogno forse, più che di altre polemiche, di una ricucitura e di toni meno aspri e accesi.  

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna