Contenuto Principale

Quarrata, acquedotto, amianto e manutenzioni: Legambiente chiede un incontro al Comune

Daniele Manetti, attivista di Legambiente Daniele Manetti, attivista di Legambiente

di Guendalina Ferri

QUARRATA - Una riunione tecnica per discutere di alcuni punti da affrontare con urgenza: è questa l’idea di Legambiente per cercare di risolvere i problemi di Quarrata a livello idrico e ambientale.

L’incontro, che vedrà la partecipazione di Publiacqua, dei tecnici del Comune e di una delegazione di Legambiente Quarrata, si svolgerà all’inizio di ottobre. Quattro sono i problemi da risolvere, secondo Legambiente: prima di tutto, la questione dell’acquedotto pubblico.

In una nota, l’associazione segnala strade o tronconi di strada che sono tuttora privi di acquedotto. “È inammissibile. Per di più, come ci segnalano le analisi ARPAT sullo stato ecologico e chimico dei corpi idrici della zona, i torrenti del nostro comune sono inquinati da prodotti chimici. È indispensabile portare l’acquedotto in tutte le strade di Quarrata, per tutelare la salute e la sicurezza di questi cittadini”.

Il secondo punto riguarda il tubo d’amianto che porta acqua potabile da Agliana a Quarrata e che è soggetto a frequenti rotture: “È necessario sostituirlo”. Terzo, la questione dei bacini idrici del Comune di Quarrata: nello specifico, il Bacino del Falchereto e il Bacino delle Due Forre, “due risorse indispensabili per l’acqua potabile della zona, da tutelare contro sporcizia e vandalismo”. Infine, come ultimo punto, la richiesta di una migliore manutenzione – anche straordinaria – dell’acquedotto, con una sostituzione integrale delle tubazioni più vecchie: “Nel mese di agosto 2017 si sono verificate diverse rotture sui tubi dell’acquedotto con conseguenti perdite d’acqua”.

In attesa della riunione con Publiacqua e coi tecnici del Comune di Quarrata, Legambiente sta incontrando la popolazione in una serie di incontri sul territorio, con il coinvolgimento del vicesindaco e assessore ai lavori pubblici Gabriele Romiti. “È importante coinvolgere e informare i cittadini” spiega Daniele Manetti, presidente dell’associazione. E, intanto, conclude: “Sappiamo bene che i quattro punti da discutere e approvare che abbiamo presentato richiedono progetti difficoltosi e forti investimenti: solo facendo una programmazione seria e un cronoprogramma dei lavori sarà possibile attuarli in un determinato tempo e solo su questi fatti concreti vale la pena darsi da fare e discutere”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna