NEWS

Martedì, 29 Gennaio 2019 12:33

Da oggi i tre giorni “della merla”, freddo ma non gelo

Farà freddo soprattutto al centro nord

ROMA (Adnkronos) - Siamo ufficialmente entrati, da oggi, nella 'tre giorni' denominati, secondo tradizione, come quelli della merla, ovvero quelli tradizionalmente più freddi dell'anno. Spesse volte il credo popolare non rispecchia esattamente le caratteristiche proposte, e poi attuate, da madre natura che sceglie in modo autonomo quale periodo dell’anno per far battere i denti agli italiani.

Il team del sito www.iLMeteo.it ci dice che anche quest’anno, proprio nel corso di questo breve periodo, non è prevista nessun’ondata di gelo storica ma farà molto freddo tant’è che arriverà la neve in pianura sull'Italia Centro-Settentrionale, tra mercoledì e venerdì con accumuli localmente abbondanti specie sulle regioni Occidentali (Piemonte fino a Torino, Lombardia fino a Milano, Emilia Romagna).

In questi giorni, una serie di vortici instabili si tufferanno nel Mediteranno dalla Francia, richiamando aria fredda dal Nord Europa. L’isolamento di questa serie di vortici (almeno 3) tra Mar Ligure e Tirreno, richiamerà aria mite e umida da Sud che, mescolandosi con quella fredda da Nord, creerà un mix perfetto per veder nevicare fino in pianura al Nord.

Il peggioramento verrà diviso in due step: il primo mercoledì con i fiocchi bianchi che cadranno su diverse città del Nord con accumuli tra 5 e 10 cm (neve possibile anche a Genova). Tra le città che molto probabilmente verranno imbiancate ritroviamo Torino, Cuneo, Asti, Alessandria, Vercelli, Milano, Varese, Pavia, Piacenza, Monza, Lodi, Parma, Bologna, Reggio Emilia, Trento, Bolzano.

Il secondo step comincerà giovedì sera ancora con tantissima neve al Nordovest e fino a metà giornata di venerdì 1 febbraio. Il direttore Sanò avvisa anche che tra venerdì 1 e sabato 2 la forte perturbazione in arrivo causerà una fase di diffuso maltempo al Centro-Nord con rischio nubifragi su Alpi, Prealpi, Liguria, Toscana, Sardegna e Lazio.

 

 

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.