NEWS
Domenica, 01 Luglio 2018 14:58

Salvini a Pontida: "Governeremo per i prossimi 30 anni"

Al raduno di Pontida per la prima volta non c'erano Bossi e Maroni. Porti chiusi alle Ong

PONTIDA (Adnkronos) - Bagno di folla per il leader della Lega Matteo Salvini al suo arrivo a Pontida, dov'era atteso per prendere parte al tradizionale raduno del Carroccio. Decine di centinaia le persone intervenute sin dai giorni scorsi al 'sacro suolo', con tende, camper e roulotte. Il vicepremier sta facendo un giro tra gli stand, attorniato da un nutrito gruppo di militanti e ammiratori, tra canti e slogan.

"Qui #Pontida18, pratone in riempimento! Un mare di gente perbene, di sorrisi, di speranza, di futuro!", ha scritto il vicepremier su Facebook, aggiungendo in un post successivo: "Siamo una marea". "L'Italia che governeremo per i prossimi 30 anni, si rassegnino i compagni, è un'Italia che non ha paura di niente e di nessuno" dice Salvini, aggiungendo che l'obiettivo è costruire un "Paese orgoglioso, diverso, fondato sulle autonomie". Il tradizionale raduno della Lega a Pontida "non lo considero un comizio, ma una riunione di famiglia e mi piacerebbe che ognuno di voi portasse a casa un impegno, cioè che questa non è la fine di un percorso, ma un avvio". Perché "quello che siamo riusciti fare quest'anno, dall'anno prossimo lo faremo a livello continentale". "Questa famiglia - afferma Salvini - dovrà crescere e coinvolgere".

Per questo "chiedo il vostro aiuto e il vostro consiglio, umilmente. E penso che ce la faremo con la battaglia di chi è quaggiù e il sostegno di chi è lassù". "I porti per chi aiuta chi traffica esseri umani sono e resteranno chiusi", assicura il vicepremier. Rispondendo a chi gli chiedeva che cosa ne pensasse delle parole del presidente della Camera Roberto Fico, per il quale i porti dovrebbero rimanere aperti alle Ong che soccorrono i migranti, il leader del Carroccio spiega: "Rispetto le opinioni di tutti, ma c'è un governo che fa e c'è un ministro che fa". "Cercano di farci litigare con i nostri compagni di governo, ma non ci riusciranno. In questi primi mesi di lavoro ho trovato nei dirigenti Cinque Stelle persone oneste, coerenti e con la voglia di cambiare il Paese. Ma certo - avverte - se i porti si chiudono o si aprono lo decide il ministro dell'Interno, perché funziona così".

Del resto "oggi c'è la terza nave di una Ong straniera che prenderà la via di un Paese diverso dall'Italia. Poi ce ne sarà una quarta, una quinta e così via. Fino a quando gli scafisti si stuferanno e cambieranno mestiere". "Io non faccio speculazioni, a differenza di altri, sui morti. Se qualcuno muore a cinque chilometri dalle coste libiche è perché ci sono navi pronte a raccoglierli", ha detto ancora Salvini. E a chi gli chiede se si sente chiamato in causa per le ultime vittime in mare dice: "Se qualcuno annega a pochi chilometri dalle coste libiche, senza che la guardia costiera italiana sia neanche stata contattata non vedo la connessione".

"Alcuni sciacalli sono arrivati a dire che la tragedia avvenuta l'altro giorno nel Mar Mediterraneo, a tre miglia dalle coste libiche, è colpa nostra. Ma io vorrei dire che ormai gli scafisti hanno capito che l'aria sta cambiando"."Erano stati abituati ad arricchirsi di fronte a morte sicura migliaia di migliaia di bimbi e ragazzi perché tanto c'era sempre qualcuno disposto ad aiutarli nel loro mestiere di scafisti". "Oggi -prosegue Salvini- le autorità libiche sono rientrate democraticamente nel pieno controllo del loro territorio e per questo voglio ringraziare gli uomini della guardia costiera libica che, nel silenzio di giornali e televisioni, hanno soccorso più di mille disperati che stavano rischiando di annegare riportandoli sul territorio libico. Ringrazio queste persone -sottolinea- che stanno portando via la pagnotta ai mafiosi del business dell'immigrazione".

Quanto all'accordo sui migranti raggiunto al Consiglio europeo è "un primo passo" per il Salvini che spiega: "Finalmente si è discusso delle proposte italiane e siamo a metà dell'opera". Soprattutto "si sono accorti che possiamo dire dei no e se c'è bisogno li diciamo". "Il mio obiettivo - avverte - è che l'Europa protegga la frontiera esterna con Frontex, non fare 'mal comune, mezzo gaudio', redistribuendo i migranti".

E se "l''accoglienza è volontaria per gli altri, deve esserlo anche per noi". "Non basta cambiare l'Italia, bisogna cambiare l'Europa", ha detto il leader della Lega sottolineando come "le elezioni europee dell'anno prossimo saranno un referendum fra l'Europa delle élite, delle banche, della finanza, dell'immigrazione e del precariato e l'Europa dei popoli, del lavoro, della tranquillità, della famiglia e del futuro". Dopo aver manifestato l'idea di ampliare la portata della Lega a una dimensione internazionale, ha aggiunto: "Girerò capitale per capitale, incontrando i colleghi ministri per occuparci di sicurezza, di antiterrorismo e di controlli dei confini. E, ovviamente, di un'alleanza che dia a 500 milioni di cittadini un futuro diverso".

"Non finirò mai di ringraziare chi mi ha dato il coraggio e le idee per cominciare a fare politica - sottolinea Salvini -. E questo nome è quello di Umberto Bossi. Non ha altro nome e non ha altro cognome". Ha ringraziato Bossi "che mi ha dato il coraggio e le idee per cominciare a fare politica" e concluso l'intervento con un rosario in mano, dicendo che "è stato confezionato da una donna sfruttata, da una di quelle donne illuse che in Italia c'era il Bengodi. Era una donna nigeriana, ma poteva essere italiana o di qualsiasi altra nazionalità".

In ogni caso, "da ministro giuro che farò di tutto per meritare un pizzico del sostegno, vostro e altrui, affinché ciascuno possa nascere, crescere, andare a scuola, curarsi, lavorare e veder nascere i propri figli nel suo Paese, senza essere sradicato e mandato dall'altra parte del mondo. Ognuno felice e orgoglioso del suo Paese". Quindi, rivolgendosi alle migliaia di persone che seguivano il suo intervento sotto al palco, ha chiesto: "Avete voglia di giurare di non mollare finché non avremo liberato i popoli di questa Europa?", rilanciando più volte la domanda: "Giurate o no?". E la risposta, convinta ed entusiasta del suo popolo, non si è fatta attendere.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Festa PD Santomato