NEWS
Giovedì, 31 Maggio 2018 22:00

Conte accetta l'incarico e presenta la lista dei ministri

Dopo rimbalzi e polemiche nasce il Governo Conte

ROMA (Adnkronos) - Giuseppe Conte ha accettato l'incarico conferitogli dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, di formare il nuovo governo e ha presentato la lista dei ministri. 

L'esecutivo giurerà al Quirinale domani alle 16. Dopo settimane di trattative, il governo giallo-verde vede la luce. "E' stato raggiunto l'accordo per un governo politico M5S Lega con Giuseppe Conte Presidente del Consiglio", hanno annunciato nel pomeriggio Luigi Di Maio e Matteo Salvini Di Maio e Salvini. "Forse finalmente ci siamo, dopo tanti ostacoli, attacchi, minacce e bugie", ha scritto su Twitter il leader della Lega.

LA RINUNCIA DI COTTARELLI - Alla luce degli ultimi sviluppi, Carlo Cottarelli ha rinunciato stasera all'incarico a formare il governo affidatogli lunedì scorso dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. "La formazione di un governo politico - ha detto rimettendo l'incarico - è di gran lunga la migliore soluzione per il Paese".

LA SQUADRA DI GOVERNO - Sarebbe già pronta anche la lista dei ministri del governo Conte. Il nome di Giovanni Tria, professore di politica economica a Tor Vergata, ha sciolto il nodo dell'Economia, casella sulla quale era naufragato il precedente tentativo di formare un governo 5 Stelle e Lega. Mentre l'economista euroscettico Paolo Savona dovrebbe traslocare agli Affari europei. Salvini e Di Maio dovrebbero essere entrambi vicepremier. Al leader della Lega andrebbe anche la guida del Viminale, mentre al capo politico dei pentastellati il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

Per Giancarlo Giorgetti, numero due di via Bellerio, c'è la poltrona di sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega allo sport. In quota Carroccio dovrebbero entrare nella squadra di governo Gian Marco Centinaio (in pole per le Politiche agricole); Giulia Bongiorno (alla Pubblica amministrazione); Lorenzo Fontana alla Famiglia e disabilità.

Tra i 5 stelle Alfonso Bonafede sarebbe stato confermato Guardasigilli e Riccardo Fraccaro ai Rapporti con il Parlamento, mentre Elisabetta Trenta andrebbe alla Difesa.

MELONI FUORI - Fratelli d'Italia - pur garantendo il suo sostegno al nascente esecutivo - non entrerà nel team governativo, a causa dello stop arrivato da Di Maio. Giorgia Meloni, leader Fdi, incontrando i giornalisti a Montecitorio, sottolinea: "Non abbiamo mai chiesto poltrone per me o altri di Fratelli d'Italia" e rispetto al governo nascente, "e nella fiducia ci asterremo per aiutarlo a nascere. Non tanto per condivisione ma per necessità".

IL TIMING - Se tutto dovesse filare liscio per la formazione dell'esecutivo, lo scenario ideale sarebbe quello di avere una squadra nuova di zecca, con almeno il giuramento effettuato, già prima della Festa del 2 giugno.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.