Contenuto Principale

Al via le Olimpiadi del disgelo

Al via le Olimpiadi del disgelo foto Afp

PYEONGCHANG(Adnkronos) - Stretta di mano storica tra il presidente sudcoreano Moon Jae In e Kim Yo Jong, sorella del leader nordcoreano Kim Jong Un.

L'incontro alla cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici invernali di Pyeongchang. La sorella del leader nordcoreano è il primo membro della famiglia che controlla la Corea del Nord a visitare il Sud dai tempi della guerra coreana tra il 1950-1953.

La campionessa olimpica sudcoreana di pattinaggio artistico Kim Yuna ha acceso il tripode all'interno dello Stadio olimpico di Pyeongchang. Ha poi preso la parola il presidente del Comitato olimpico internazionale, Thomas Bach, affrontando il tema del doping. Ha chiesto agli atleti di "restare puliti" perché "solo col rispetto delle regole e rimanendo puliti si può realmente apprezzare quanto fatto" durante le gare. "Solo così i ricordi di una vita saranno i ricordi di un vero e degno olimpionico" aggiunge. Lo show in sei atti, anticipato da un'esibizione di taekwondo, è incentrato sul tema della pace.

Gli organizzatori, come già annunciato nei giorni scorsi, hanno distribuito al pubblico il kit anti-gelo per affrontare le temperature molto fredde. Per l'Italia è arrivato il presidente del Coni, Giovanni Malagò, accompagnato dal ministro dello Sport, Luca Lotti.

Nel frattempo è già andato in scena il primo sgarbo. Mike Pence infatti ha disertato la cena dove avrebbe dovuto sedere al tavolo con il presidente nordcoreano, Kim Yong-nam. Secondo quanto riporta l'agenzia sudcoreana Yonhap, il vice presidente americano ha incontrato brevemente il capo della delegazione nordcoreana ai Giochi, ma i due hanno evitato di guardarsi direttamente. E poi, cinque minuti dopo il suo arrivo nella sala del ricevimento, Pence se ne è andato.

C'è stato anche un siparietto con i sosia di Donald Trump e Kim Jong-un. Due personaggi truccati e vestiti come il presidente statunitense e il leader nordcoreano sono infatti apparsi nella zona inferiore dello stadio, di fronte alla tribuna stampa, provocando la sorpresa dei presenti. Il falso Trump, alias il 67enne musicista americano Dennis Alan, indossava un abito scuro, una caratteristica cravatta rossa e berretto da baseball dello stesso colore con la scritta 'USA' sul davanti e 'Trump' sul retro. Il sosia di Kim, interpretato dal musicista australiano di Hong Kong Howard, invece, aveva un cappotto grigio scuro identico a quello originale. Normalmente ossessionati dal confronto delle dimensioni dei loro pulsanti nucleari, qui la coppia si è invece fatta immortalare mentre si scambiava sorrisi e strette di mani come due vecchi amici.

 

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna