Contenuto Principale

Berlusconi: "Se vinciamo via il Job act". Salvini: "Cancelleremo obbligo vaccini"

ROMA (Adnkronos) - Il Jobs act ha 'dopato' il mercato del lavoro.

Per questo se Fi vincerà le elezioni, lo abolirà. E' stato lo stesso presidente del partito, Silvio Berlusconi, ad annunciarlo a Radio Anch'io su Radio Raiuno. "I dati sull'occupazione giovanile - ha sottolineato l'ex premier, contestando la soddisfazione di Renzi e del Pd - riguardano in gran parte i contratti a termine. Fanno pensare a una crescita dei posti di lavoro, ma sono stati generati dal Jobs Act che a gennaio finirà la sua azione e quindi molti di questi contratti finiranno". Berlusconi ha quindi annunciato che se Fi andrà al governo abolirà il Jobs act. "Il Jobs act ha dato solo una spinta provvisoria ai contratti a termine, tanto è vero che otto contratti su dieci sono a tempo determinato".

La posizione di Berlusconi sul Jobs Act è stata poi chiarita in una nota diffusa dalla segreteria del Presidente di Forza Italia. "Le parole del presidente Berlusconi sul Jobs Act sono state parzialmente fraintese. Il presidente, intervenendo questa mattina alla trasmissione Radio Anch'io, si è limitato a constatare che il Jobs Act è sostanzialmente fallito, perché non ha indotto le imprese a creare occupazione stabile, ma quasi esclusivamente lavoro precario. In ogni caso, è una norma che sta esaurendo i suoi effetti". "Quando saremo al governo - si legge ancora - non torneremo naturalmente al regime precedente, ma introdurremo strumenti più efficaci del Jobs Act per correggerne gli effetti distorsivi e incentivare le imprese a creare lavoro stabile".

E invece il Leader della Lega Matteo Salvini ha annunciato in un tweet che "Cancelleremo norme Lorenzin. Vaccini sì, obbligo no. E via la tassa assurda sulle sigarette elettroniche".

A stretto giro è arrivata la replica del ministro della Salute Beatrice Lorenzin. "La Lega sui vaccini mostra di essere peggio che populista. Ma di perseverare nell'estremismo dell'incompetenza - ribatte la leader di Civica popolare in una nota - La posizione di Salvini e di altri massimi esponenti della Lega, che oggi dichiarano come primo provvedimento di voler abolire l'obbligatorietà vaccinale, è uguale a quella del Movimento 5 Stelle. La Lega gioca, per qualche voto in più, sulla salute degli italiani, sulla salute dei nostri figli, rischiando di continuare a perorare una causa no vax che mette seriamente a rischio le campagne di informazione scientifiche e sanitarie. L'Italia va vaccinata dagli incompetenti".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna