Contenuto Principale

"Democrazia a rischio", grillini e sinistra in piazza

ROMA (Adnkronos) - Riprenderà oggi alle 13.45 in Aula, alla Camera, la discussione generale con le due votazioni sul Rosatellum bis dopo la fiducia posta dal governo.

Per protesta M5s e sinistra hanno deciso di scendere in piazza Montecitorio e al Pantheon. A protestare contro la "forzatura indecente" della tripla fiducia militanti del Prc, Sinistra Italiana, Possibile, Mdp-Articolo 1 e Campo Progressista. Dalle 12, a Montecitorio, una riunione del gruppo di Fi alla Camera per fare il punto della situazione e aprire un confronto sulle 'modalità' della partecipazione al voto sulla questione di fiducia.

"Oggi ci stanno derubando dell'ennesima fetta di sovranità popolare, ecco perché bisogna andare tutti in piazza. La fiducia dimostra che è il Pd che ha ancora paura dei propri franchi tiratori. E' la prova che sono stati loro ad affondare il tedeschellum. La democrazia oggi è a rischio. Il Parlamento è composto da rappresentanti del popolo. Con questa legge sarà composto da rappresentanti dei partiti". Questa fiducia è ''un atto eversivo, solo Mussolini aveva fatto cose simili'', ha detto Alessandro Di Battista, ospite di 'Circo Massimo' su Radio Capital.

"Stamattina alle 13 torniamo in piazza, e mi auguro - ha sottolineato - che ci sia tanta gente. La pressione che può fare l'opionone pubblica sulle istituzioni dipende da quante persone vanno in piazza. Non cederemo alle provocazioni, ci comporteremo come hanno fatto i catalani. La non violenza è l'atteggiamento che ci permette di ottenere i migliori risultati".

"Mi auguro che ora Mattarella ci pensi mille volte prima di firmare", ha continuato il deputato M5S lanciando un appello al capo dello Stato a non firmare il testo di riforma che prende il nome del capogruppo Pd alla Camera, Ettore Rosato. Mattarella è inadeguato? "Non lo so, voglio giudicare il suo comportamento nelle prossime settimane", ha tagliato corto.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna