MONTAGNA

Martedì, 13 Marzo 2018 18:14

Peggiora la frana sulla Traversa di Pracchia. Colloquio con il sindaco di Alto Reno Terme

di Stefano Di Cecio

PORRETTA - Peggiora la situazione della frana sulla "Traversa di Pracchia".

Dopo un primo sopralluogo effettuato la settimana scorsa con il Dirigente della città metropolitana di Bologna Ing. Pietro Luminasi, ed un ulteriore sopralluogo effettuato ieri, il Sindaco del Comune di Alto Reno Terme, Giuseppe Nanni, risponde ad alcune domande in merito allo “stato dell’arte” dell’interruzione della “Traversa di Pracchia”.

“La situazione è peggiorata rispetto alla settimana precedente - ci dice - appena le condizioni meteo lo permetteranno faremo un ulteriore approfondito sopralluogo per verificare se la metà della strada non coinvolta dai movimenti franosi può sopportare il transito di veicoli leggeri a senso unico alternato”. 

“L’ingegner Luminasi ha anche detto - aggiunge il sindaco - che è possibile effettuare uno sbancamento leggero del monte, per un modesto allargamento della carreggiata. Il senso unico alternato sarebbe comunque presidiato e funzionante nelle ore diurne.

Ovviamente – prosegue - se durante la verifica emergesse che la parte della carreggiata rimasta integra insistesse su uno stabile supporto roccioso, le preoccupazioni sarebbero sicuramente minori ed i tempi di ripristino parziale della viabilità brevi”.

Altrimenti si dovrebbe provvedere ad uno sbancamento di dimensioni maggiori con una conseguente allungamento dei tempi per le necessarie incombenze tecniche ed amministrative.

Le verifiche verranno effettuate entro la fine di questa settimana o al massimo i primi giorni della prossima. Una volta effettuate, l’Ingegnere deciderà come procedere.

Per quanto riguarda invece la frana ed i detriti che sono scivolati verso il fiume Reno, il Sindaco esclude che possano creare problemi al fiume stesso. Comprende bene le problematiche degli abitanti che ogni giorno devono utilizzare la deviazione per recarsi a Porretta. “Ma si deve attendere ancora qualche giorno – conclude Giuseppe nanni - per decidere come intervenire sperando che la parte della strada ancora integra non venga interessata dalla frana”.

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.