MONTAGNA
Martedì, 27 Febbraio 2018 23:06

Pian dei Sisi, la Regione finanzia uno studio dell'Università sulle cause della frana

FIRENZE (Toscana Notizie)  – La Regione Toscana finanzierà uno studio dell'Università di Firenze per una puntuale verifica, attraverso rilevazioni satellitari, delle cause che hanno determinato  la frana sulla statale 12 in località Pian dei Sisi, nel Comune di Abetone-Cutigliano.

L'assessore regionale all'ambiente Federica Fratoni incontrerà nei prossimi giorni il professor Nicola Casagli, docente di geologia dell'ateneo fiorentino, e i tecnici dell'Enel per definire l'intervento. In calendario per domani, a Cutigliano, è invece un tavolo tecnico al quale parteciperanno i tecnici della regionali della Protezione civile e del Genio civile, del Comune, di Enel e di Anas.

Oggi, intanto, l'assessore ha incontrato, insieme al responsabile della direzione difesa del suolo della Regione, i vertici di Enel per sollecitare tutti gli interventi necessari per consentire un rapido ritorno a casa delle 23 persone sfollate.
I rappresentanti di Enel presenti all'incontro – cui era stato invitato anche il Comune – hanno dato conto dell'attività in corso. E' stata predisposta, hanno informato, una rete di rilevamento per valutare i movimenti in atto, cui farà seguito un prelievo di campioni per  l'analisi delle caratteristiche geomorfologiche dell'area ed un'azione di monitoraggio per l'individuazione di eventuali ulteriori interventi.

La Regione, sottolinea l'assessore regionale all'ambiente, è stata in campo da subito per fronteggiare l'emergenza della frana e i tecnici della Protezione civile e del Genio civile hanno collaborato sin dai primi momenti con il Coc, il Centro operativo comunale. Di fronte a questa realtà, e al lavoro da fare, continua, sarebbe bene mettere da parte polemiche, come quelle del sindaco di Abetone-Cutigliano, che hanno tutto il sapore della propaganda elettorale. Questo, conclude l'assessore, è il momento della responsabilità e dello spirito di collaborazione istituzionale nell'interesse dei cittadini e del loro territorio.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.