Contenuto Principale

I disagi della prima neve: a Sambuca alcune borgate ancora senza luce

Una immagine della nevicata di ieri a Sambuca. Nella foto sotto: tecnici Enel al lavoro per riattivare le linee Una immagine della nevicata di ieri a Sambuca. Nella foto sotto: tecnici Enel al lavoro per riattivare le linee

SAMBUCA - La nevicata che ha colpito l’Appennino toscano, ha dato il primo scossone d'inverno, ha imbiancato le colline pistoiesi e pratesi, oltre all'alto Mugello.

Se all'Abetone ha portato linfa vitale, in altre zone (che pure sono abituate a confrontarsi con gli effetti della neve) ha portato anche disagi, provocando l'abbattimento di linee elettriche, più massiccio nel Mugello, che hanno generato in certe zone blackout elettrici e forti disagi. E' successo in alcune borgate di Sambuca, dove oggi sono arrivati i generatori, ma parecchie case sono ancora senza luce: almeno 500 persone sarebbero ancora senza energia elettrica nel comune del pistoiese. E qualche decina sulle colline pratesi.

A questo si è aggiunto – come ci dicono dal comune di Sambuca – il problema dei cellulari che si sono visto interrotto il segnale: quello di Vodafone completamente assente e a singhiozzo quello di Tim.

Un po' troppo per alcuni centimetri di neve. Anche se si è trattato di neve “pesante”, che con gli alberi ancora coperti dalle foglie è rimasta sui rami e ne ha fatti cadere parecchi. Disagi eccessivi comunque.

Sul blackout elettrico è intervenuto anche il presidente della Regione, Enrico Rossi, che ha scritto all'Enel, giudicando la situazione “intollerabile”. Non può bastare a giustificare questo la caduta di alcuni alberi sulle linee elettriche.

"Enel deve imparare a fare la manutenzione – scrive Rossi -  I cittadini pagano l'energia elettrica a Firenze come altrove e se per portarla in Mugello si deve tenere sgombre dagli alberi le aree vicino ai pali della luce, tagliando i rami e tagliando periodicamente quelli più vecchi e pericolanti, non si vede perché questo non debba essere fatto".

"Certo – aggiunge Rossi – non si può far passare per un fatto ineluttabile quello che sarebbe invece prevedibile con un saggio e e costante intervento umano di manutenzione".  Situazione ancor più intollerabile, secondo il presidente, visto che in montagna e vivono molti anziani. 

Rossi si riferisce in particolare al Mugello, dove sono rimaste al buio almeno settemila persone, ma il richiamo vale anche per Sambuca, dove il numero è sì minore, ma minori non sono i disagi. E oggi (attorno alle 14) la situazione non era cambiata, anche se si sono visti i primi generatori.

Lo spettacolo degli Appennini imbiancati è un bel colpo d'occhio, ma porta con sé insomma anche qualche disagio... di stagione.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna