Martedì, 09 Ottobre 2018 15:14

UGL Metalmeccanici: "Questione amianto non ancora chiusa"

PISTOIA - Il tema amianto, che caro è costato alla nostra città in termini di morti bianche, assume un particolare significato, un impatto anche fortemente psicologico sull’intera collettività dei lavoratori pistoiesi fino a generare in loro più che lecite preoccupazioni rispetto ai rischi potenziali, ovvero, una possibile riduzione delle aspettative di vita.

A noi di UGLM non piacciono le dichiarazioni pubbliche di un Sindacato, la FIM-CISL, che afferma: “La politica a tutti i livelli ha fatto la propria parte”. Pensiamo non sia vero in quanto ancora oggi la questione non è conclusa.

Diciamo questo perché parlando così si tende a voler intenzionalmente “dimenticare” che ancora oggi INPS e INAIL rappresentano le scelte, le ramificazioni, le emanazioni di quella stessa identica politica.

Per noi è fondamentale sottolineare che tutti i soggetti che all’epoca hanno subito il danno – ovvero dipendenti Breda, dipendenti dell’indotto ferroviario, dipendenti delle ditte addette ai servizi e pensionati - vogliono giustizia e non hanno assoluto desiderio di mollare.

Crediamo che la politica non debba essere assolta dalle proprie responsabilità aggiungendo un messaggio netto, un monito chiaro: “Nessuno pensi di aver esaurito i propri compiti”.

I lavoratori pistoiesi hanno tutto il diritto di chiedere uno sforzo ulteriore, rivolto a tutti i soggetti in campo, proprio in virtù del fatto che chi andrà ad usufruire di tali “benefici”, meglio sarebbe chiamarli con il nome vero, danni derivanti da esposizione, non potrà certamente mai considerarsi un privilegiato o, come sembra qualcuno lasciar intendere, un fortunato.

Sappiamo già adesso che questa non sarà la soluzione definitiva di questa tragica questione ma che le morti purtroppo continueranno.

Per questo noi di UGL crediamo sia importante, subito dopo i riconoscimenti, mettersi al lavoro per creare un osservatorio sanitario di monitoraggio allo scopo di individuare coloro che anche in futuro potranno ammalarsi.

Al contempo chiediamo alle istituzioni locali, regionali, nazionali, che venga quanto prima approntato un vero e proprio piano di sostegno economico in materia.

 

UGL Segreteria Provinciale Metalmeccanici

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.