Contenuto Principale

Grandi Opere e VIA. Approvata risoluzione di Sì Toscana a Sinistra

Una manifestazione di Sinistra Italiana Una manifestazione di Sinistra Italiana

FIRENZE - Oggi l’aula del Consiglio regionale della Toscana ha approvato a maggioranza la proposta di risoluzione presentata dal Gruppo Sì – Toscana a sinistra in cui s’impegna la Giunta a “valutare di ricorrere alla Corte costituzionale.

E comunque a sollevare in sede governativa la necessità urgente di una revisione della recente normativa Via (Valutazione d’impatto ambientale) ".

“Siamo soddisfatti che la Toscana, così come fatto da altre regioni e sollecitato da associazioni ambientaliste e comitati, decida di ricorrere contro le nuove norme sulla Valutazione di Impatto Ambientale in vigore dal 21 luglio. L'obiettivo deve essere quello di garantire la corretta valutazione degli effetti ambientali delle grandi opere, evitando che lo Stato diventi arbitro dell’intero procedimento mentre le regioni vengono del tutto esautorate dalla facoltà di incidere sull’adozione di provvedimenti che hanno un notevole impatto sulle comunità territoriali di riferimento", dichiarano Tommaso Fattori e Paolo Sarti.

“La stessa Giunta regionale, pur avendo scelto fino ad oggi di non ricorrere, aveva comunque riconosciuto che le nuove norme introducono livelli di progetto troppo generici e che, riguardo alla potestà del Ministero di esentare in tutto o in parte dalla procedura di VIA un progetto specifico, la norma è dubbia costituzionalità e comunque rappresenta una deroga alle regole comunitarie sull'obbligatorietà della valutazione”.

“Dopo il voto del Consiglio, ci aspettiamo da parte del Presidente Rossi un impegno immediato per giungere alla revisione di norme che tradiscono lo spirito della Direttiva europea 52/2014, comportando un peggioramento considerevole dei tempi e della qualità della verifica ambientale e dando molte più facoltà che in passato ai proponenti dei progetti. Inoltre, non si può davvero consentire a progetti già presentati di sottrarsi alle precedenti procedure, ben più rigorose delle attuali, un escamotage immorale di cui trarrebbe beneficio per esempio l’insostenibile progetto del nuovo aeroporto di Peretola”.

Sì Toscana a Sinistra: SinistraToscana

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna