La posta

LAMPORECCHIO - La prima Festa de l'Unità risale al 1945, all'indomani della fine della guerra, come segno di rinascita di un popolo attorno agli ideali di "libertà, solidarietà e democrazia" dopo il buio del periodo fascista.

“Il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e i sindaci Pd di Firenze e Prato, Dario Nardella e Matteo Biffoni – come apprendiamo dal comunicato dell’ufficio stampa regionale del 30 maggio – si sono incontrati nell’ufficio della presidenza per un vertice sull’emergenza rifiuti.

"l nostro bellissimo Paese ha un nuovo governo, era l’ora. Onori ed oneri a chi ha preso più voti, a noi il compito di costruire un’alternativa e vigilare perché non si rovini quanto di buono fatto in questi anni. 

AGLIANA - “Oggi abbiamo letto che i Sindaci di Prato e Firenze si sono riuniti per decidere quale strada intraprendere dopo il fallimento di Case Passerini. Tra le varie soluzioni considerate vi è il potenziamento dell’impianto di Montale!

PESCIA - Stefano Vamberti, studente universitario di 24 anni e Fabio Parlanti, perito elettronico di 20 anni, entrambi candidati al consiglio comunale nella lista di CasaPound a sostegno di Giacomo Melosi, vogliono che Pescia torni ad essere attrattiva per i giovani.

Martedì, 29 Maggio 2018 15:53

San Jacopo, due esempi di buona sanità

Pistoia – per il secondo anno consecutivo, ho affrontato un intervento programmato all'ospedale San Jacopo di Pistoia. Sia quest'anno che lo scorso anno, sono stata ricoverata per una settimana nel Setting B.

MONTALE - Se è vero che il Consiglio di Stato mette una pietra tombale sull’inceneritore di Case Passerini, certamente riapre una finestra temporale sul mantenimento dell’impianto di Montale rinviato nel lungo termine e che, quindi, vedrà una rinegoziazione dei tempi di chiusura.

SERRAVALLE - Niente di nuovo sotto il sole. Ecco le parole che ci vengono in mente leggendo le dichiarazioni rilasciate  dal sig. Pratesi  dalle quali si evince che la vendita non ha portato introiti alle casse  dell'azienda.

PISTOIA - Riteniamo assurdo ed inaccettabile il previsto aumento a tre euro del biglietto dell’autobus relativo alla linea che collega la stazione di Pistoia al locale ospedale.