La posta

PISTOIA - Apprendiamo dalla cronaca locale la notizia che anche il Comune di Prato, dopo quelli di Carmignano e Vernio, sta predisponendo una specifica ordinanza per bloccare l’impiego del Glifosato, uno dei più pericolosi diserbanti usati in agricoltura, lo stesso che l’IARC (l’Agenzia internazionale di ricerca sul cancro) ha inserito fra i “probabili cancerogeni per l’uomo”.

Non solo. Diverse nazioni l’hanno già messo al bando. Il WWF si sta battendo da anni per metterlo fuori legge a livello europeo. Inoltre sono state fatte diverse petizioni, firmate da migliaia di cittadini e sigle varie, che si sono unite a questa battaglia. Ma già a livello locale si può fare qualcosa e le iniziative dei 3 comuni del pratese non possono che essere accolte con favore e sollievo, considerando la direzione purtroppo contraria intrapresa dalla Regione Toscana che, con una delibera di fine luglio, ne consente invece l’utilizzo, insieme ad altri prodotti fitosanitari, anche nelle aree di salvaguardia dei bacini di prelievo di acqua per uso idropotabile.

E’ evidente che sul territorio vi sono, per fortuna, amministrazioni più lungimiranti e più vicine alla salute dei cittadini e dell’ambiente !!! Ci chiediamo a questo punto quando anche il Comune di Pistoia potrà seguire l’esempio di Prato, di Carmignano e di Vernio. Non solo perché a Pistoia e dintorni è grande la presenza di industrie e coltivazioni vivaistiche ma anche perché, come ci dice la stessa ARPAT con l’ultima pubblicazione del mese di marzo 2018, “i valori della media annua dei Pesticidi Totali nei corsi d’acqua di questa zona sono risultati molto alti, oltre 30 volte il limite per il Fosso Quadrelli, 20 volte per la Brana. Il maggior contributo è dovuto a Glifosate e AMPA, oltre a vari erbicidi come Oxadiazon, Oxifluorfen e Pendimethalin.”

Impedire l’utilizzo del Glifosate sarebbe un gesto di grande civiltà, in attesa che vi siano definitivi divieti sul fronte legislativo.

Comitato per il Wwf di Pistoia e Prato Onlus

Siamo perfettamente consapevoli che la tematica inerente la Sanità nelle zone montane della nostra Regione, sia argomento molto importante ed ovviamente particolarmente sentito da chi risiede nelle citate zone.

Da tempo, ad esempio si dibatte sulla necessità della presenza di un adeguato Pronto Soccorso a San Marcello Pistoiese; questione non irrilevante che deve essere continuamente monitorata.

Apprendiamo, dunque, con soddisfazione il fatto che si sia voluto redigere, in modo collegiale, uno specifico documento in cui alcuni Sindaci dell’area mettono nero su bianco diverse condivisibili proposte in merito. In pratica si suggeriscono delle linee-guida sulla delicata tematica, da inserire nel Piano Sanitario regionale che è in fase di definizione.

Partendo dalla richiesta di trasformare l’attuale punto di primo soccorso in una struttura realmente idonea alle esigenze del territorio(guidata da un qualificato responsabile) si punta, quindi, a potenziare l’esistente, evitando ogni deleteria forma di penalizzazione dei servizi sanitari. Su questo tema la Lega sarà, dunque, sempre pronta a dare il suo valido e continuo contributo.

 

Luciana Bartolini, Consigliere regionale della Lega

 

PISTOIA - “I controlli a Vicofaro hanno accertato che nella struttura gestita da Don Biancalani non ci sono clandestini, ma solo profughi regolari.

FIRENZE - La Cgil della Toscana e la Camera del Lavoro di Pistoia esprimono la propria vicinanza e solidarietà verso don Massimo Biancalani, i volontari ed i rifugiati ospiti della sua Comunità di Vicofaro (Pt), per l’ennesimo controllo effettuato attraverso un inusuale dispiegamento di forze che ha impiegato circa cinquanta persone fra agenti di Polizia di Stato, Carabinieri, Polizia municipale ed ASL. 

Lunedì, 22 Ottobre 2018 14:54

Blitz a Vicofaro (Lega): "Normali verifiche"

PISTOIA - Come al solito quando si tratta d’immigrati la Sinistra si coalizza prontamente per criticare, in questo caso, i naturali e capillari controlli fatti dalle Forze dell’Ordine nella canonica pistoiese di Vicofaro.

PISTOIA - Il Partito della Rifondazione Comunista, Federazione di Pistoia, si interroga sul futuro dell'azienda di trasporto pubblico Copit e sui recenti fatti di cronaca che l'hanno coinvolta con una nota.

PISTOIA - In un’epoca in cui si è fatto sempre più evidente il totale scollamento fra le masse e le istituzioni, credo sia veramente fondamentale il ruolo delle parti sociali.

PISTOIA - Il capogruppo Lega Gabriele Gori e Francesco Mazzeo, si complimentano con le forze di polizia che anche in questo caso hanno fatto il proprio lavoro con estrema efficacia e rapidità.

Mercoledì, 17 Ottobre 2018 16:57

Sono viva anche grazie ai medici del San Jacopo

di Svyetlana Vrbat

PISTOIA - Mi chiamo Svyetlana e voglio condividere la mia esperienza.