Contenuto Principale

Samuele Bertinelli: "Sono vivo e sto benone"

Samuele Bertinelli Samuele Bertinelli

PISTOIA – Samuele Bertinelli conferma l'anticipazione di Reportpistoia: non siederà nel prossimo Consiglio comunale. Lo scrive sulla propria pagina Facebook, insieme ad altre considerazioni.

Scrive Andrea Fantacci: “In bocca al lupo Samuele... ma non capisco, perché non continuerai con il tuo impegno come consigliere comunale di opposizione”

Risponde l'ex Sindaco: “È necessario che altri intraprendano un nuovo cammino istituzionale, liberi dalla mia troppo ingombrante presenza. Per quanto mi riguarda, non ho mai avuto bisogno di svolgere una funzione istituzionale per coltivare la mia passione per la città e per la politica”.

Nella pagina, c'è anche la sua risposta al presunto sgarbo per il mancato passaggio delle consegne.

Andrea Ghelardini gli scrive: “Perché non è andato in Comune a passare le consegne al nuovo sindaco?

Così Bertinelli: “Perché nessuno mi ha invitato. Sto peraltro garantendo il passaggio delle consegne più utile e necessario: fornisco, e volentieri, a Tomasi tutte le indicazioni amministrative di cui ha bisogno, per il bene della città”.

Interviene Andrea Fantacci: “Perdonate la mia ignoranza, ma per le consegne al nuovo Sindaco serve un invito formale? Non è una prassi?”

Samuele Bertinelli: “Non importano inviti formali. Basta che qualcuno ti dica in che giorno ed a che ora ci si debba presentare. Non è accaduto”.

La polemica era nata in seguito alla pubblicazione su La Nazione della notizia che l'ex Sindaco non si era presentato al cambio di guardia perché irraggiungibile. Altri particolari, apparsi su Facebook, avevano spiegato che un funzionario comunale aveva cercato di telefonare a Bertinelli per avvisarlo dell'incontro, una telefonata fatta in presenza della giornalista e di alcuni collaboratori di Tomasi. Ma il cellulare di Bertinelli in quel momento era staccato. Da questa mancata telefonata è partita tutta la giostra contro l'ex Sindaco, come se una persona fosse costretta a tenere il cellulare sempre acceso o a trovarsi in una zona di “campo” assicurato.

C'è, semmai, da chiedersi chi sia quel funzionario che, all'interno di un ufficio comunale, chiama l'ex sindaco alla presenza di una cronista. Tutto normale? E se alla prima telefonata non ha risposto, non poteva riprovare dopo un paio d'ore? O si voleva creare un caso?

Comunque, occorre ricordare che nel protocollo, non esiste alcuna cerimonia ufficiale di passaggio delle consegne; cinque anni fa Bertinelli si insediò senza la presenza di Renzo Berti.

Il post dell’ex sindaco era iniziato così: “Voglio rassicurare tutti: sono vivo, e sto benone. Sono stato sempre estraneo alla grammatica del potere. Credo che questo contribuisca a spiegare, almeno in parte, anche il risultato elettorale. Non posso certo deprimermi per una riconquistata, piena libertà. D'altra parte, dall'amore per la città e dalla passione per la politica non ci si dimette. E la ruota gira, per fortuna, in democrazia. Si tratta, dunque, di un nuovo inizio. Come scriveva un grande scrittore italiano: ‘L'unica gioia al mondo è cominciare. È bello vivere perché vivere è cominciare, sempre, ad ogni istante’”. 

Evidentemente, a quattro giorni dall'esito del voto, la belva continua a danzare sui social. A Samuele Bertinelli, non viene concesso nemmeno l'onore delle armi da parte degli elettori e dei tifosi della destra. Vae victis (Brenno). Non è un buon viatico per il neo sindaco Alessandro Tomasi: iniziare un quinquennio in questo clima non sarà semplice.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ricerca / Colonna destra

Cerca nel sito

Agenda Elezioni Pistoia