Stampa questa pagina
Giovedì, 20 Settembre 2018 00:28

Ecco perché non sono più assessore

di Massimo Vannuccini *

Agliana - Scrivo, dopo diversi giorni dalla notizia della fine del mio mandato di Assessore comunale ad Agliana, per fare un po' di ringraziamenti e per fare il punto sulle ultime questioni amministrative che ho avuto occasione di gestire.

Prima ancora però mi sento di chiarire la mia posizione sulla vicenda: non ho dato le dimissioni. Il Sindaco ha ritenuto - come prevedono le sue prerogative, dunque legittimamente - di revocarmi la totalità delle deleghe in quanto ritiene che io non sia più nelle condizioni di proseguire pienamente nel mio impegno amministrativo dato che lavoro. 
Ho iniziato a lavorare circa 1 anno fa, dopo più o meno 3 anni e mezzo di mandato in cui ho ricoperto l'incarico di assessore pressoché sempre a tempo pieno. La scelta di iniziare a lavorare l'ho condivisa con il Sindaco e la Giunta, concordando modi e tempi del mio impegno. 
Nelle ultime settimane questa valutazione del Sindaco è cambiata, ritenendo di aver necessità di persone che possano ricoprire l'incarico con disponibilità oraria pressoché totale. E' una scelta che ho appreso con rammarico ma che rispetto.
In questi anni ho cercato di svolgere il mio incarico con impegno, sempre orientato agli interessi di Agliana e degli aglianesi; anche quando ho iniziato a lavorare - lavoro per pagarmi l'affitto, per stare con la persona che amo, per costruirmi un futuro normale - ho cercato di non perdere il polso delle questioni, dei principali problemi, del rapporto con le persone. Qualcosa mi è sicuramente sfuggita, se l'ho fatto mi spiace. 
Ricoprire un incarico pubblico al servizio della comunità in cui sono cresciuto è stato per me più un onore che un onere e mi ha dato più di quanto sono riuscito a dare io nel cercare di assolvere ai miei compiti. Ogni pacca sulla spalla, critica costruttiva, incoraggiamento e apprezzamento sono state le piccole cose che mi hanno fatto crescere nel mio ruolo in questi anni, avendo cominciato quando ancora avevo la testa soltanto sui libri dell'Università. 
Grazie dunque a tutti quelli che mi hanno aiutato in questo cammino, dal Sindaco per la fiducia, dai colleghi di Giunta - più di una squadra, quasi una famiglia!, con cui permangono ottimi rapporti - ai consiglieri comunali, ai dipendenti del Comune (tanti di loro smentiscono ogni giorno gli stereotipi sui mali del pubblico impiego, grazie del lavoro insieme!) a tutti gli interlocutori di associazioni e società con cui ho avuto a che fare. Nonostante questa esperienza sia finita resto profondamente legato al mio paese e al lavoro dell’amministrazione restando a disposizione per chi lo vorrà, sperando di poter dare ancora una mano.

Poche considerazioni amministrative, per chiudere: nel corso dell'estate siamo riusciti a mettere in moto interventi rilevanti agli impianti sportivi senza spese colossali, un ottimo lavoro di squadra tra Comune, gestore degli impianti e società; credo si sia riusciti ad andare incontro alle istanze raccolte negli ultimi mesi.
Parquet: tanta fatica e preoccupazione, un numero infinito di complicazioni ma si comincia a vederne la luce; prestissimo sarà possibile rinnovare il fondo ed avere finalmente un impianto all'altezza delle aspettative dello Sport di casa nostra. Stagione teatrale praticamente pronta (presto saprete gli spettacoli!), street art che come ogni anno sta per riaccendere i motori (forse la cosa che più mi rimarrà nel cuore). 
Forza ragazzi, abbiamo fin qui fatto tutti un buon lavoro e io sono con voi.

Forza Agliana!

* ex assessore al Comune di Agliana

questo articolo è stato offerto da: