Contenuto Principale

Allo Spazio la presentazione del libro "Tangentopoli Nera"

Giovanni Fasanella Giovanni Fasanella

PISTOIA - Venerdì 13 gennaio alle ore 18, allo Lo Spazio di via dell'ospizio, in collaborazione con l'associazione Cum grano salis, verrà presentato il libro di Mario José Cerenghino e Giovanni Fasanella.

“Tangentopoli nera. Malaffare, corruzione e ricatti all'ombra del fascismo nelle carte segrete di Mussolini“(Sperling & Kupfer, 2016, p. 240, euro 18). Partecipano alla serata Giovanni Fasanella e Gabriella Annucci (Ass. Cum grano salis). Modera l'incontro Riccardo Fineschi (giornalista). Letture a cura di Vera Biagioni (giornalista).

Quando c'era Lui, il Duce, non solo i treni arrivavano in orario, ma si poteva lasciare aperta la porta di casa, perché l'ordine e la legalità erano così importanti da valere persino il sacrificio della libertà. L'immagine di un potere efficiente e incorruttibile, costruita da una poderosa macchina propagandistica, ha alimentato fino a oggi il mito di un fascismo onesto e austero, votato alla pulizia morale contro il marciume delle decrepite istituzioni liberali.

Ma le migliaia di carte custodite nei National Archives di Kew Gardens, a pochi chilometri da Londra, raccontano tutta un'altra storia: quella di un regime minato in profondità dalla corruzione e di gerarchi spregiudicati dediti a traffici di ogni genere. A Milano, Mario Giampaoli, segretario federale del Fascio, e il podestà Ernesto Belloni si arricchiscono con le mazzette degli industriali e con i lavori pubblici per il restauro della Galleria, coperti dall'amicizia col fratello di Mussolini. Il ras di Cremona Roberto Farinacci conquista posizioni sempre più importanti tramite una rete occulta di banchieri, criminali e spie. Diventa così il principale antagonista del Duce, che a sua volta fa spiare i suoi maneggi.

Lo squadrista fiorentino Amerigo Dumini tiene in scacco il governo con le carte – sottratte a Giacomo Matteotti dopo averlo assassinato – che provano le tangenti pagate alle camicie nere dall'impresa petrolifera Sinclair Oil. Utilizzando i documenti della Segreteria Particolare di Mussolini e quelli britannici desecretati di recente, gli autori ricostruiscono, con lo scrupolo degli storici e il fiuto degli investigatori, l'intreccio perverso tra politica, finanza e criminalità nell'Italia del Ventennio. E attraverso alcune storie emblematiche che si dipanano col ritmo di una spy story, mostrano i meccanismi profondi e mai completamente svelati delle ruberie, delle estorsioni e degli scandali sui quali crebbe, in pochi anni, una vera e propria Tangentopoli nera.

Giovanni Fasanella è un giornalista investigativo specializzato nella storia segreta italiana. Saggista e documentarista, ha scritto numerosi bestseller, fra i quali Segreto di Stato (con Giovanni Pellegrino e Claudio Sestieri), Una lunga trattativa, Che cosa sono le BR (con Alberto Franceschini), Intrigo internazionale (con Rosario Priore) e, per Sperling & Kupfer, 1861, Intrighi d'Italia, 1915(tutti con Antonella Grippo),  e Berlinguer deve morire (con Corrado Incerti). Cura il blog www.fasaleaks.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna