Martedì, 03 Luglio 2018 09:46

CheFor Prato, solidarietà in mezzo all'eccellenza culinaria

Grande successo: raccolti fondi per casa Betania

di Gina Nesti

ARTIMINO (PO) - Nella bellissima cornice di Villa Ferdinanda a Artimino, in una magica atmosfera, si è svolta ieri sera la chermesse CheFor Prato.

L’eccellenza dell'arte culinaria pratese che da qualche anno ha sposato la solidarietà, sostenendo i progetti a sostegno della Caritas Diocesana. Una bella serata alla quale hanno preso parte duecentosessanta persone, che grazie al loro contributo hanno reso possibile la raccolta di 10.620 euro che saranno destinati alla realizzazione di bagni per Casa Betania, una struttura che accoglie uomini italiani soli.

La serata è stata organizzata da Confcommercio Pistoia e Prato, Confesercenti, Associazione Cuochi di Prato con la collaborazione di Unicamere e Cciaa Prato.

Sono 16 i ristoranti della provincia che hanno dato vita all'iniziativa proponendo un menù d’eccellenza. La serata è iniziata con gli antipasti che sono stati serviti nel giardino antistante alla villa da dove è stato possibile assistere ad un bellissimo tramonto e gustare le birre artigianali e originali drink. La prosecuzione poi all’interno, nei saloni della villa: dove è stata servita la cena accompagnata da una selezione di vini di Carmignano.

La chermesse gustativa è terminata in giardino davanti ad un panorama mozzafiato dove gli ospiti hanno potuto gustare una carrellata di dolci .

Presenti alla cena Stefano Cioffo assessore regionale all’attività produttive, Stefano Morandi presidente di Confcommercio Prato e Pistoia, il sindaco di Carmignano Edoardo Prestanti, Idalia Vento direttrice della Caritas, Tommaso Gei, presidente Fibe Confcommercio Prato e della Consulta di Prato. A fare gli onori di casa Annabella Pascale amministratrice delegata della Villa di Artimino.

“Siamo felicissimo di ospitare questo evento non solo perché da tanti anni ha successo sul territorio, ma anche perché noi ad Artimino amiamo celebrare il territorio, il cibo il vino quale migliore occasione di unire il meglio di Prato”.

“L’eccellenza pratese è l’eccellenza di un territorio intero che dalla Val Bisenzio fino al poggio di Carmignano racconta la sua storia attraverso il cibo – ha sottolineato l’assessore Cioffo - . CheForPrato ha la capacità di mettere a disposizione degli ospiti prodotti autentici, locali e l’alta qualità della cucina che gli chef sanno trasformare, raccontando il territorio insieme ai buoni vini che questi poggi possono con orgoglio promuovere nel mondo. Questa è una serata soprattutto di solidarietà resa possibile da oltre 200 operatori che si sono messi a disposizione - ha continuato Cioffo -. E’ un modo di fare aggregazione e acquisire consapevolezza del ruolo che ognuno di noi ha nella società. Bisogna prestare attenzione ai più deboli in un momento come questo dove l’ attenzione sembra venire meno e non essere più un valore di riferimento. Prato e il suo territorio lo riaffermano con forza e questa sera lo testimonieranno”.

“Confcommercio contribuisce e collabora a questa iniziativa importante che unisce la valorizzazione delle eccellenze agro alimentare ai negozi storici pratesi con una forma di sostegno a chi ha più bisogno - ha spiegato Morandi - e questa è l’occasione per riunire tante persone per stare insieme per valorizzare la qualità eccelsa dei nostri prodotti; e al tempo stesso fare del bene a chi ha bisogno. La Confcommercio per questo è impegnata ormai da tanti anni e su questa linea continuerà la sua attività”.

“ Un bellissimo regalo, non pensavo che si potesse arrivare ad una cifra così importante - chiosa Idalia Vento - grazie a tutti quelli che hanno lavorato e a tutte le persone che hanno accolto l’invito ad essere qui stasera, con la loro presenza hanno contribuite al nostro progetto che è quello di ristrutturare i bagni di casa Betania”.

“Abbiamo ottenuto un bel successo, sono sette anni che facciamo questa manifestazione e tutti gli anni abbiamo sempre più persone che partecipano alla serata - ha sottolineato Tommaso Gei - è segno che l’interesse verso questa iniziativa aumenta. Quest’anno siamo arrivati ad un record di incassi che e importantissimo e riuscirà ancora di più a fare la differenza sull’impegno della Caritas”.

“Carmignano è un mixi vincente di storia, che parte dall’archeologia fino all’arte contemporanea: e questo riesce ad unire la bellezza naturalistica del territorio e i suoi prodotti. - ha sottolineato il sindaco Prestanti -. Rappresentare un territorio come questo è come muoversi in un negozio di cristalli, bisogna stare attenti non solo all’importanza di valorizzarlo ma anche a tutelare un patrimonio che c’è stato consegnato dai nostri Avi e che dobbiamo essere in grado di restituirlo agli abitanti futuri di questa terra. Bisogna cercare - ha aggiunto il sindaco -  di renderlo migliore. Quanto meno non distruggere quello che c’è stato tramandato sarebbe già un passo importante. Artimino è la sintesi del brad del nostro territorio dove l’amministrazione è in sinergia con gli operatori turistici insieme a tutta una comunità che cura al dettaglio e riesce a vendere all’esterno un prodotto vincente che è il nostro territorio”.

“Ho il piacere e l’onore di rappresentare la Banca alta Toscana che da più di 110 anni opera sul territorio di Pistoia e Prato - a sottolineato Carlo Gori direttore della banca - e ho il piacere stasera di rappresentare tutto il consiglio di amministrazione, perché è una serata importante che rientra perfettamente del modo di operare e nei valori che il credito cooperativo storicamente rappresenta che è quello della solidarietà del localismo della mutualità”.

Questo l'elenco delle aziende che hanno partecipano a CheFor Prato:  Biagio Pignatta, Che Ciccia c’è, Enosteria Mangia, I’ Bruciapadelle, Interludio, Il Ristorante, La Limonaia di Villa Rospigliosi, Le Cento Buche, Locanda Villa Scarfantoni, ristorante Da Delfina, ristorante il Capriolo, ristorante il Pirana, ristorante Le Fontanelle, ristorante Lo Scoglio, ristorante Mario Logli, ristorante Modigliani, Villa Le Farnete, Drik, aperitivi& dessert: I Frari delle Logge, Le Barrique; birrifici artigianali: I due Mastri, Mastodolce, Rosa dei venti, Badala.

qui vanno inseriti i moduli banner

1 commento

  • Link al commento Gabriella Tarchiani Martedì, 03 Luglio 2018 19:16 inviato da Gabriella Tarchiani

    Manca BARTAT che ha partecipato con i suoi drinks

    Rapporto

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.