Sabato, 21 Aprile 2018 16:02

Al via Toscana in Bocca, tantissimi ospiti e degustazioni

Il taglio del nastro di Pistoia in bocca Il taglio del nastro di Pistoia in bocca foto di Gina Nesti

Si parlerà anche di alternanza scuola-lavoro

di Guendalina Ferri

PISTOIA - Si taglia il nastro e la quinta edizione di Toscana in Bocca può avere inizio. A partire da oggi, e fino al 25 aprile, la Cattedrale dell’area ex-Breda ospiterà eventi, ospiti, laboratori e stand di ristoratori locali. 

L’intento principale è quello di promuovere la buona cucina, soprattutto quella della tradizione pistoiese e toscana.

“Attendiamo ospiti da tutta la Toscana, e chi è a Pistoia per turismo probabilmente verrà qui a cena, o ad assistere ai numerosi eventi di tipo enogastronomico”, è intervenuto così il sindaco Alessandro Tomasi, subito dopo il taglio del nastro. Anche Stefano Morandi, presidente di Confcommercio Pistoia e Prato, ha ribadito le potenzialità che Toscana in Bocca può avere anche al di là dell’evento in sé: “Si tratta di un modo per richiamare gente e promuovere la città”.

Nel corso della mattinata hanno portato i propri saluti anche Morendo Ianda, presidente della Federazione Pubblici Esercizi, Gianluca Spampani di Zona, il vicepresidente di Confcommercio Nazionale Aldo Cursano e un’ospite d’eccezione: Annie Féolde, titolare dell’Enoteca Pinchiorri di Firenze, prima donna ad aver ottenuto tre stelle Michelin e madrina di Toscana in Bocca 2018. 

Il weekend parte subito con l’arrivo, nel pomeriggio, dello chef Max Mariola che preparerà alcune delle proprie ricette. E ancora, domenica, i pasticceri Damiano Carrara e Paolo Sacchetti. Ospiti, preparazioni dal vivo, laboratori per bambini e per adulti. A fare da cornice ai vari eventi culinari saranno ovviamente i ristoratori, che dagli stand presenteranno i profumi e i sapori dei propri menù – in modo non sempre del tutto pacifico: questa sera quattro di loro – Checco Bugiani e Saida Lenzini, da una parte, e Moreno Ianda e Paola Pazzaglia, dall’altra – si sfideranno nella preparazione di una ricetta con ingredienti a sorpresa. 

A garantire il buon funzionamento dell’evento un silenzioso gruppo di adolescenti: sono gli studenti dell’Istituto Alberghiero di Montecatini. Sono una quindicina per ogni turno e si dividono tra la sala e lo stand dell’Istituto. “Lo facciamo per l’alternanza scuola-lavoro. I ragazzi in sala, quelli vestiti di nero, si occupano di seguire gli ospiti e di sistemare i tavoli”, spiegano due di loro, giacca bianca e capelli tirati indietro, intenti a rispondere alle domande di chi passa dal loro stand. 

Il programma completo di Toscana in Bocca è consultabile su www.latoscanainbocca.it

 

 

questo articolo è stato offerto da:


Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.