×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 446


Venerdì, 03 Giugno 2016 17:45

“Cartoline storiche” dei negozi di Prato: la città raccontata in 16 scatti

di Giovanni Fiorentino

PRATO – Raccontare nel profondo l' identità di Prato e la sua evoluzione nel corso del tempo attraverso sedici cartoline che raffigurano altrettanti negozi storici operanti nei settori più variegati, dalla ristorazione al tessile.

Questo è quanto proposto da La Nazione e Confcommercio, con il supporto di ChiantiBanca. A partire dal prossimo martedì 7 giugno sino al 12 luglio infatti, il popolare quotidiano toscano distribuirà tre volte a settimana, in abbinamento gratuito, le fotografie d' epoca relativi agli esercizi commerciali più longevi della città, come il “Biscottificio Antonio Mattei” e il ristorante “Baghino”, raccontandone al contempo aneddoti e riferimenti sociologici.

“Abbiamo aderito a questo progetto perché a nostro avviso mette in risalto la storia delle piccole imprese pratesi e soprattutto la loro capacità di adattarsi al meglio ai molteplici cambiamenti imposti dal mercato” - ha commentato Tiziano Tempestini, direttore Confcommercio Pistoia e Prato. Questi imprenditori rappresentano un esempio a cui potranno ispirarsi anche i futuri titolari d'impresa”.

Dello stesso avviso Daniela Toccafondi, assessore alle politiche economiche: “Idea che si pone l'obbiettivo di dare lustro alle nostre botteghe tradizionali, inculcando soprattutto nei teenager l'interesse e la sensibilità verso il nostro passato”. La prima uscita riserverà ai lettori, in omaggio, un cofanetto celebrativo in cui raccogliere e conservare le foto. “Stiamo valutando la possibilità concreta di ripetere l' iniziativa fra circa quattro mesi, allegando ulteriori sedici immagini relative ad altre attività commerciali” ha chiosato David Bruschi, caposervizio de “La Nazione” di Prato.

questo articolo è stato offerto da:


 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.